Etna, possibile un collasso catastrofico

Gli esperti in allarme

L’Etna si è risvegliato e fa paura; i continui sussulti e il terremoto che ne è conseguito sono i segnali che il vulcano sta facendo sentire tutta la sua potenza devastante e che difficilmente si placherà.

Fino ad ora il vulcano aveva fatto delle eruzioni brevi e limitate ma ora la nuova eruzione è molto più potente delle altre e si sta facendo vedere anche in quelle zone che fino ad ora erano state risparmiate dai terremoti. Le ultime scosse sono state molto gravi ed hanno messo in allarme tutti gli studiosi della zona, infatti potrebbe esserci un possibile scivolamento catastrofico.

Il parere dell’esperto

“Già negli anni 80 si scoprì lo scivolamento verso est dell’Etna, ma si pensava che la causa fosse la risalita del magma, che gonfiava e destabilizzava il vulcano. “Se fosse solo quello, spiega Alessandro Bonforte, ricercatore dell’Osservatorio Etneo dell’Ingv, vedremmo però i movimenti principali al centro del vulcano. Invece abbiamo osservato uno spostamento di 2 centimetri all’anno sulla terraferma e di 4 centimetri in fondo al mare. Segno che l’instabilità aumenta man mano che ci si avvicina alla Scarpata di Malta”.

Insomma l’Etna è sempre più instabile perché ha i piedi d’argilla e c’è il rischio che vada sempre di più verso Malta con conseguenze catastrofiche.

Il monitoraggio del vulcano

“Cercheremo di prendere ancora nuove misure, conclude Bonforte, anche se la situazione finanziaria degli enti di ricerca in Italia è quella che è”. Infatti l’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia avrebbe bisogno di strumenti all’avanguardia e più nuovi, mezzi adatti per andare nelle zone del vulcano e monitorarle attentamente.

E’ difficile dire come si comporterà l’Etna in futuro, è imprevedibile, ma si sa che gli spostamenti osservati possono preludere a qualcosa di più esteso che potrebbe anche avare effetti devastanti nel lungo periodo. Per ora non si sa come si evolverà la situazione futura ma si sa che è meglio tenerla monitorata per evitare brutte sorprese.

 

Valeria Fraquelli
Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com
Potrebbero interessarti anche