Europa tifa Conte. Ma a che prezzo?

Günther Öttinger e le figure di prima piano Ue sostengono la nascita del governo Conte. Ma l'aiuto non è a costo zero.

Europa tifa Conte. Ma a che prezzo?

Europa tifa Conte. Ma a che prezzo? Il primo a porsi la domanda è Matteo Salvini.

Stavolta, ci ha pensato il commissario europeo uscente al bilancio a farlo inferocire.

L’Europa tifa Conte ma a che prezzo? Günther Öttinger si trasforma in tifoso da curva

Il tedesco Günther Öttinger, mastino dei conti e inflessibile nel bacchettare l’Italia indisciplinata, ha fatto un’uscita sorprendente.

Tutto è cominciato con l’intervista radiofonica che il quasi ex commissario tedesco ha rilasciato all’emittente Swr. Bruxelles.

L’Europa tifa Conte ma a che prezzo? Öttinger parte in quarta dimenticando la freddezza teutonica

L’intervista parte con esordio soft, come si conviene a una figura istituzionale.

Öttinger definisce l’incarico a Giuseppe Conte “uno sviluppo positivo“.

Ma presto il responsabile tedesco del bilancio Ue comincia a pigiare sull’acceleratore dichiarando di volere un governo italiano pro-europeo che non lavori contro l’Europa.

Anche in questo caso, la paura del “sovranismo” aleggia da tempo nelle ovattate stanze di Bruxelles e quindi Öttinger non sorprende più di tanto.

L’Europa tifa Conte ma a che prezzo? Öttinger e la sua dichiarazione esplosiva

A questo punto il commissario tedesco perde di vista la frizione dialettica e si lancia in una dichiarazione a metà strada tra l’abbraccio al figliol prodigo e un suk levantino:

Bruxelles “E’ pronta a fare qualsiasi cosa per facilitare il lavoro del governo italiano quando entrerà in carica e per ricompensarlo.

Ci sarà più spazio per una politica sociale, anche se i socialdemocratici sanno bene che il debito illimitato nell’eurozona è un danno per tutti“.

L’ira di Matteo Salvini in diretta Facebook

Matteo Salvini si è subito scagliato su Facebook contro il governo nascente giallo-rosso perché è eterodiretto da Berlino, Parigi e Bruxelles.

Occorre però aggiungere che Salvini ha ricevuto un assist inaspettato.

Ha denunciato per mesi le ingerenze europee nella politica italiana e Öttinger, figura di peso della commissione Ue, cede all’euforia e offre al leader leghista una sponda imperdibile.

Un’uscita così lontana dalla prassi istituzionale può alimentare i sospetti di chi accusa i vertici europei di creare a tavolino, o per lo meno favorire, governi allineati alle direttive europee.

L’Europa si schiera con Conte anche se il governo non è ancora nato

A rincarare la dose della soddisfazione in Europa per l’incarico a Conte ci pensa il vicecancelliere e ministro delle Finanze tedesco e socialdemocratico Olaf Scholz:

Una buona notizia per l’Europa. Mi rallegro che con ogni probabilità in Italia finisce la crisi di governo e può ora prendere il timone un governo nuovo, stabile e progressista“.

Si unisce ai festeggiamenti anche Il presidente della commissione Europea Jean Claude Juncker che augura a Conte: “Di riuscire nel suo compito di formare un governo.

L’Italia gioca un ruolo centrale nella famiglia europea e contiamo sul suo contributo attivo al progetto europeo“.

L’entusiasmo di partito Democratico e movimento 5Stelle per il sostegno internazionale

Il partito Democratico apprezza l’appoggio europeo ma, considerando il suo legame consolidato con i vertici di Bruxelles, la cosa non sorprende.

Più interessante l’entusiasmo di Luigi Di Maio verso il tweet di sostegno di Donald Trump a Conte, che ha condiviso con il presidente americano le preoccupazioni sulla Russia.

A quanto pare, la politica è davvero mutevole, visto che fino a poco tempo fa Matteo Salvini appariva molto più vicino alla Casa Bianca di quanto lo fossero i pentastellati.

Il sostegno europeo soddisfa anche i 5Stelle: l’avvio del governo è in salita, con il rischio di naufragare se le due forze politiche dissotterrassero l’ascia di guerra al primo ostacolo.

L’appoggio dell’Europa al governo giallo-rosso comporta un prezzo da pagare?

L’appoggio europeo è a costo zero?

Ovviamente, il nuovo governo Conte divide le opinioni di sostenitori e avversari.

Secondo i primi, l’appoggio europeo è essenziale perché aiuta a stabilizzare i mercati.

La borsa guadagna lo 0,61%, dopo l’euforia di ieri che le ha fatto sfiorare il 2%, mentre lo spread tra i titoli di stato italiani e Bund tedeschi è sceso a 165 punti base.

I critici, come il vicedirettore della Verità Francesco Borgonovo, puntano il dito contro l’alleanza giallo-rossa, nata soprattutto per evitare le elezioni, e sotto la spinta delle pressioni europee che non sono disinteressate.

Il sostegno dell’Europa al governo Conte scatena la preoccupazione

Scorrendo giornali e rete le preoccupazioni verso l’eccessiva ingerenza europea si riassumono come segue:

  • Le borse festeggiano oggi ma possono calare domani se il governo imponesse tasse deprimendo l’economia o dovessero saltare gli equilibri precari tra Pd e 5Stelle
  • Stesso discorso per lo spread
  • l’Europa ha gettato la maschera: punta a un governo allineato che non dia problemi
  • Fare qualunque cosa” non significa trasformare l’Italia in un paradiso economico ma concedere qualche margine di flessibilità
  • Questo margine non serve a nulla senza drastiche riforme fiscali e burocratiche
  • La Ue non approva margini di flessibilità troppo ampi a causa del nostro debito pubblico
  • L’asse franco-tedesco predomina ancora in Europa
  • La nomina di Ursula von der Leyen a presidente della commissione Ue non garantisce che la flessibilità sia alla portata di tutti
  • I rigidi parametri di Maastricht non saranno certo ignorati e quindi potrebbero favorire molto più l’economia tedesca e francese, rispetto alla nostra
  • Berlino, Parigi e Bruxelles premono per la riapertura dei porti italiani agli immigrati
  • L’Europa redistribuisce pochi immigrati e non vara un piano di aiuti verso i Paesi di partenza dei flussi migratori
  • Germania, Francia e i Paesi del gruppo di Visegrad chiudono sempre più le frontiere
  • I flussi migratori rischiano di scaricarsi su di noi offrendo il destro a Salvini per accusare la Ue di trasformare l’Italia nel “campo profughi d’Europa”.

Il sostegno dell’Europa a Conte è un’ingerenza chiara?

In pratica, la UE non risolverebbe i nostri problemi, ma è pronta a riabbracciare l’Italia purché sia inquadrata e coperta.

Rispetto alla lettera delle direttive Ue e fine di ogni velleità “sovranista” sono le condizioni chiave che il nuovo governo giallo-rosso può soddisfare, con la fine del condizionamento leghista.

Se sia un bene o un male per l’Italia lo decidono i lettori.


Quotidianpost.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Avatar
Sono collaboratore giornalistico, copywriter e traduttore (tedesco e inglese). Dopo aver conseguito la laurea in lingue e letterature straniere moderne ho lavorato sia come traduttore, sia come collaboratore esterno di giornali locali liguri, siti web e piattaforme giornalistiche. Ho inoltre ampliato le mie esperienze come copywriter imparando ad aiutare le aziende a promuovere non solo i prodotti ma la vocazione della loro marca e i punti di forza per riposizionandosi sul mercato e anticipare i moderni trend di consumo. Le mie esperienze trasversali mi hanno insegnato l'importanza del continuo aggiornamento del linguaggio che non si misura solo nella carta stampata ma anche sui siti online e piattaforme web, senza dimenticare che i navigatori cercano risposte veloci e testi di immediata comprensione, specie con la crescente diffusione dei dispostivi mobili per accedere alla rete. La comunicazione ha generato in me Interesse e passione, trasformandosi nel mio lavoro quotidiano.
Potrebbero interessarti anche