Festa della Liberazione: Mattarella dà il via alle celebrazioni

L'omaggio del capo dello Stato all'Altare della Patria

Oggi si celebra il 73° anniversario della festa della Liberazione. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è recato all’Altare della Patria deponendo una corona di fiori, dopo aver passato in rassegna il picchetto d’onore schierato a Piazza Venezia.

Subito dopo, si è recato a Taranta Peligna in provincia di Chieti per omaggiare il sacrario della brigata Maiella. Accolto da due ali di folla Mattarella si è fermato per pochi minuti prima di partire alla volta di Casoli seconda e ultima tappa del suo viaggio in Abruzzo.

Erano presenti insieme a Mattarella, i due neo presidenti delle Camere, Elisabetta Casellati e Roberto Fico, e il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni.  Il premier Gentiloni ha scritto su Twitter “Il 25 aprile «fu il giorno del riscatto dell’Italia. È dovere di tutti ricordare chi ha combattuto per la nostra libertà contro gli orrori della dittatura” rivolgendo un pensiero  anche  a Giorgio Napolitano operato questa notte.

Il capo dello Stato ha voluto richiamare l’attenzione in particolare sui valori della Resistenza che vanno ricordati – ha detto – perché «in tanti Paesi prevale la violenza, l’autoritarismo, l’indifferenza rispetto ai fondamentali diritti della persona, di antisemitismo». La Resistenza – ha aggiunto ricevendo al Quirinale le Associazioni combattentistiche e d’Arma – «ha ridato dignità alla Nazione». Bisogna «guardare con grande ammirazione e riconoscenza – ha concluso – all’eroismo, al coraggio, alla tenacia e all’operosità di quell’Italia che ha saputo ricostruire e offrire alle nuove generazioni una patria libera e pacificata».

In Tutta Italia sono previste molte manifestazioni in ricordo della liberazione dall’occupazione nazista e in memoria della Resistenza. Bologna ospiterà un rappresentante dell’Anpi di Todi, come gesto di solidarietà dopo che il comune umbro, a guida centrodestra, ha deciso di negare il patrocinio alle celebrazioni dei partigiani per il 25 aprile, organizzandone una autonoma. Ieri, invece, Milano ha voluto ricordare Mireille Knoll, la donna francese scampata alla Shoah e uccisa il 23 marzo scorso a Parigi da un antisemita.Libera

Potrebbero interessarti anche