Francia, ennesimo sabato di protesta per i gilet gialli

Continua la protesta

In Francia è di nuovo protesta, l’ennesimo sabato di tafferugli e guerriglia urbana che costringe i negozi a chiudere e i cittadini a stare tappati in casa ad aspettare che le acque si calmino.

I gilet gialli non mollano, e anche il Presidente Macron non ha nessuna intenzione di cedere: ha detto chiaramente che violenze e comportamenti troppo aggressivi non saranno più tollerati, chi viene sorpreso verrà immediatamente messo in cella e pagherà molto caro il suo atteggiamento.

I gilet gialli dal canto loro hanno fatto sapere che non demorderanno finchè il Presidente non si dimetterà, insomma la sfida è lanciata.

Nuovi scontri

Diverse centinaia di gilet gialli stanno arrivando a piazza della Bastiglia a Parigi, provenienti dal luogo di incontro principale di oggi, il quartiere di Bercy dove sorge il ministero dell’Economia e Finanze.

Per adesso i dimostranti sembrano pacifici ma non è detto che si ripetano atti molto gravi e violenti, non si sa se e quando i violenti si staccheranno dagli altri ma il rischio è sempre in agguato. Le strade sono sorvegliate e militarizzate, in città la vita ormai è diventata preda delle violenze e dei controlli che si ripetono senza sosta.

Situazione di caos

Anche i poliziotti del resto sono ormai stanchi e stressati, sabati e domeniche a fare la guerra contro i manifestanti, usare idranti e gas lacrimogeni. Questo stress si ripercuote sui poliziotti che ormai non riescono più a tenere testa ai manifestanti e crea molto malcontento da tutte le parti.

Intanto la leader de gilet gialli è pronta a fondare un suo partito, a candidarsi alla elezioni europee, a fare da voce a tutti quei cittadini che non possono esprimersi. Certo non sarà facile, ma candidarsi alle elezioni europee è un grande traguardo per i gilet gialli.

Macron presto scriverà una lettera al popolo francese in cui spiega il perché delle sue politiche, ma i francesi saranno ancora disposti a credergli?

 

Valeria Fraquelli
Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com
Potrebbero interessarti anche