Galli: “Se avessi saputo, non sarei venuto”

Piccola querelle ieri a Controcorrente: Galli si sente offeso dal paragone tra scienziati e replica: "Ci sono stati 92mila morti da settembre, semplicemente alcune previsioni si sono avverate e altre no"

Ieri, a Controcorrente su Rete4, Galli si è mostrato assai infastidito dal fatto che in rassegna sia stato trasmesso un filmato con le dichiarazioni dei principali virologi.

“Premetto che da zero a 100 questa cosa mi piace -2… Avessi ben capito che c’era questo, non sarei venuto. La comunicazione generale ha contribuito molto alla confusione, mettendo sullo stesso piano posizioni scientifiche che hanno contenuti diversi. Avete mostrato colleghi che ne hanno dette di tutti i colori: io credo di essere rimasto coerente rispetto ai dati”. Così ha detto il responsabile del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano.

- Advertisement -

In effetti, la comunicazione è spesso stata errata durante questo anno e mezzo di pandemia, i pareri spesso discordanti se non addirittura opposti e contraddittori tra loro: questo ha contribuito a generare confusione tra la popolazione.

Ma la conduttrice Veronica Gentili replica: “Non miriamo a ghettizzare gli scienziati, dopo un anno e mezzo in cui ha partecipato alle nostre trasmissioni credo che lei lo sappia meglio di chiunque altro”.

- Advertisement -

“Domani c’è l’anniversario di un non fausto evento. Il 27 luglio dell’anno scorso al Senato ci fu una riunione con alcuni illustri politici e diverse figure di ambito sanitario e scientifico: vennero affermate cose relative alla terza ondata e alla morte clinica della malattia. Ci sono stati 92mila morti da settembre a oggi, facciamola finita con i paragoni tra gli scienziati. Ci sono quelli che hanno detto cose che si sono avverate e ci sono quelli che hanno detto altro”, ha chiosato Galli.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.