Gaza, morti superano quota 24mila. Usa-Yemen: Houthi attaccano nave americana

Attacco degli Houthi contro un cacciatorpediniere della marina americana. A Gaza si supera quota 24mila morti in oltre 100 giorni di guerra

Non si ferma il bilancio delle vittime sul suolo della Striscia di Gaza, teatro di una crisi che assume sembianze mai viste prime. Sono ben 24.100 i morti stando alle comunicazioni diramate dal ministro della salute che governa la Striscia. Un numero che non tiene conto dei feriti e delle persone che sono ancora oggi sotto le macerie e che attendono di essere salvate. Si segnalano in data odierna bombardamenti israeliani contro le località di Maghazi, Bureij e Nuseirat, così come contro le aree di Az-Zawayda e la città di Deir el-Balah.

Una situazione tragica e che sta delegittimando anche la figura dell’Autorità Nazionale Palestinese (ANP), lo rende noto Palestinian Center for Policy and Survey Research. Secondo un recente sondaggio, Hamas ha aumentato il sostengo tra i palestinesi di oltre il 44%, non solo a Gaza, ma anche nei territori occupati. A pagare le spese dal punto di vista della popolarità sono l’ANP di Abu Mazen e il partito Fatah che hanno diminuito di molto il sostegno della popolazione palestinese. Anche in Cisgiordania, regione parzialmente controllata dalla ANP, luogo tra l’altro di scontri e violenze. Ad Hebron, l’esercito israeliano ha comunicato poche ore fa di aver ucciso dei palestinesi dopo che avevano “sfondato un posto di blocco” con la loro automobile.

- Advertisement -

Intanto, gli Houthi hanno lanciato un missile antinave dalla città di Al-Ḥudayda contro una nave di guerra statunitense nel Mar Rosso in risposta ai duplici attacchi delle forze americane e britanniche delle scorse ore (attacchi che hanno centrato anche la capitale yemenita Sa’na). Lo rende noto il Comando centrale dell’esercito americano che ha comunicato che a essere stata colpita è stata la nave USS Laboon, cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke. Grant Shapps, ministro della difesa britannico, ha commentato l’evento giudicandolo come “inaccettabile”. A conferma dell’attacco avvenuto stamane, gli Houthi, rappresentati dal membro Ali al-Qahoum, hanno detto all’agenzia di stampa turca Anadolu che “affronteremo l’aggressione degli Stati Uniti con tutte le forze fino a che non lasceranno la regione sconfitti“. “L’aggressione americano-britannica contro lo Yemen non ha e non avrà un impatto“, ha concluso al-Qahoum.