Giornata internazionale degli alberi

necessari 15 anni per ricreare i boschi bruciati in estate, tante le iniziative in giro per il nostro paese

Oggi ricorre la giornata internazionale degli alberi, ma dopo gli incendi di quest’estate che hanno distrutto circa 141 mila ettari di bosco, la festa diventa un’occasione di denuncia. La Coldiretti afferma che ci vorranno 15 anni per ricostruire le aree bruciate, con ingenti danni all’ambiente e al turismo.

A lanciare l’allarme sulla situazione del verde nel nostro paese dove ogni anno vanno in fumo, per disattenzione e piromani, migliaia di ettari di bosco, sono Coldiretti e Legambiente che invita tutte le scuole a piantare nuovi alberi.

Tante le iniziative in giro per l’Italia. La Lipu (Lega italiana protezione uccelli) ha organizzato giornate di “Forestazione urbana” a Roma  in Sicilia, a Cuneo, Lecce, Rovigo e altre città.

Loading...

A Torino nelle scuole è previsto percorso di educazione ambientale fino ad aprile  L’obiettivo è quello di richiamare l’attenzione degli studenti sull’insostituibile valore degli alberi e dei boschi per il nostro pianeta. Attraverso materiale didattico, incontri e attività, Legambiente stimolerà la riflessione sui cambiamenti climatici, l’uso del suolo, il risparmio delle risorse e a conclusione del percorso verrà promosso il concorso fotografico “Il futuro non si brucia”.

La Coldiretti in occasione della Giornata ricorda che “è raddoppiata  la superficie coperta da boschi, che oggi interessa 10,9 milioni di ettari”, ma le foreste “sono alla merce dei piromani”. Secondo il presidente di Coldiretti.

Aggiunge “per difendere il bosco italiano occorre creare le condizioni affinché si contrasti l’allontanamento dalle campagne e si valorizzino quelle funzioni di sorveglianza, manutenzione e gestione del territorio svolte dagli imprenditori agricoli”.

CONDIVIDI
Loading...