I poveri sono 5 milioni

Cinque milioni di poveri, persone che non ce la fanno con le spese, che non riescono neppure a mettere insieme qualcosa da mangiare. La situazione è catastrofica per queste persone e tra loro ci sono tanti bambini che si trovano presto a fare i conti con le avversità della vita; tra questi bambini e ragazzi è elevatissimo il tasso di abbandono scolastico.

I nuovi poveri si nascondono nelle periferie più degradate delle nostre città ed è facile che i più giovani finiscano in cattive compagnie che piano piano li portano su una strada fatta di spaccio, rapine, prostituzione dalla quale è impossibile togliersi.

Chi sono i nuovi poveri

I nuovi poveri sono anziani rimasti da soli in case troppo grandi per loro, genitori separati, chi ha perso il lavoro in seguito alla crisi economica, chi non riesce a trovare un lavoro ben pagato.

La loro condizione li pone ai margini della società, li vediamo davanti agli hard discount che cercano di comprare da mangiare con pochi centesimi, in coda davanti alle mense dei poveri, che cercano di trovare qualcosa di buono tra gli scarti. Sono molto fragili ed è per questo che non bisogna lasciarli soli, anche con iniziative mirate.

La solidarietà

Sono nate per arginare il fenomeno tante belle iniziative di solidarietà, come ad esempio la raccolta del pane invenduto ma ancora buono nelle panetterie di quartiere. Esistono anche iniziative per il cohousing sociale; in questo modo chi si ritrova solo in una casa troppo grande potrà trovare chi cerca una stanza in affitto e viceversa, tutto viene equilibrato.

Vengono anche offerti corsi professionali e tirocini per cercare di aiutare queste persone a rientrare nel mondo del lavoro con nuove competenze e nuove professionalità. Per i ragazzi ci sono corsi di doposcuola per aiutarli a prepararsi ad entrare nell’età adulta con tutte le competenze che servono.

Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com
Potrebbero interessarti anche