Il decreto antiterrorismo diventa legge

Antiterrorismo1

Il provvedimento, varato dal consiglio dei ministri del 18 febbraio scorso, è stato votato in Senato con 161 sì, 108 no e un astenuto e diventa così legge. Prevede da cinque a otto anni di reclusione per i cosiddetti “foreign fighters”, coloro che si arruolano con gli estremisti islamici in contesti di guerra, e per coloro che organizzano finanziano o propagandano viaggi con fini terroristici. Dai cinque ai dieci anni di carcere dovranno scontare i “Lupi solitari”che progettavano da soli attentati in Italia specializzandosi nella preparazione o nell’uso di materiali esplosivi, di armi da fuoco o di altre armi, di sostanze chimiche o batteriologiche nocive o pericolose, nonché in ogni altra tecnica o metodo per compiere attentati.

Inoltre il decreto antiterrorismo specifica che in caso di condanna per associazione terroristica, assistenza agli associati, arruolamento e organizzazione di espatrio a fini di terrorismo, ci sarà  la pena accessoria della perdita della potestà genitoriale “quando è coinvolto un minore”.

Loading...

E’ prevista anche in via transitoria (fino al 31 gennaio 2016), la possibilità per i servizi di informazione e sicurezza di effettuare colloqui investigativi con detenuti per prevenire reati legati al terrorismo internazionale. Di tali colloqui devono essere informati in anticipo il procuratore generale presso la corte di appello di Roma ed il Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo; a colloqui avvenuti invece dovrà essere informato il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica e al Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo.

La norma prevede tra l’altro misure relative all’immigrazione: l’arresto in flagranza per i cosiddetti scafisti e il rilascio di permessi di soggiorno a fini investigativi nell’ambito del terrorismo internazionale.

Dal 30 giugno l’apparato militare per il controllo del territorio con finalità di prevenzione del terrorismo verrà rafforzato, aumentando il numero di addetti alla sicurezza, soprattutto al sito dell’Expo. Infine verranno prorogate le missioni militari all’estero.

Soddisfatto il ministro dell’Interno Angelino Alfano, che ha twittato: “Il decreto #antiterrorismo è legge! Da oggi più forti nella lotta al #Terrorismo per la difesa della democrazia e della libertà”.

.

 

 

Dopo la maturità classica, mi sono laureata all'Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano in Scienze dell'Educazione, con una tesi in Pedagogia Interculturale dal titolo "Donna e Islam: la questione del velo". Scrivo per diverse testate on-line come "Al-Maghrebiya", "Ebraismo e dintorni", il blog del "Legno Storto" su argomenti riguardanti il mondo arabo e islamico, soprattutto per quanto riguarda la condizione della donna, il Medio Oriente, Esteri, immigrazione e integrazione. Ho scritto due racconti: "Dopo la notte" (Il Filo, 2009) e "Soltanto una donna" (Albatros - Il Filo, 2011).
Potrebbero interessarti anche