Il post no vax che ha indignato il web

Continua la polemica sui vaccini

Una giovane mamma ha pubblicato sul suo profilo social un post che sta scatenando una vera e propria bufera: “Domani Varicella Party per chi lo desidera, vi aspettiamo alla casa di Milano”. La discussione in rete è iniziata immediatamente tra chi ha accusato la donna di non essere in grado di prendersi cura della salute dei suoi figli e chi la difende dicendo che il post voleva solo essere una provocazione e che in ogni caso si è sempre pensato che le malattie infettive fossero meno pericolose se prese da bambini piuttosto che da adulti.

La polemica tra favorevoli e contrari ai vaccini non si è mai fermata ed anche oggi che è scaduto il limite obbligatorio sono ancora tanti i genitori che hanno preferito non vaccinare i loro figli. Alcuni pensano che i vaccini possano essere addirittura dannosi per la salute ed avere effetti collaterali molto gravi, altri pensano semplicemente che sia sbagliato obbligare le famiglie a vaccinare i figli con la forza.

I più indignati hanno commentato il post con frasi come “Toglietele i figli”, “Ci vogliono gli assistenti sociali”, oppure “Non si scherza, per la varicella mia figlia è finita in ospedale per una settimana”, ma la donna si è sempre mostrata sicura di sé ed ha risposto a tono ad ogni commento negativo. Alcuni utenti hanno risposto dicendo che è solo grazie ai vaccini se alcune malattie gravi sono praticamente scomparse e quindi dovremmo essere tutti grati che ci siano queste armi che ci aiutano a mantenerci in buona salute.

Loading...

Il Ministero della salute ha prontamente fatto sapere che non si può scherzare sui vaccini e sulle malattie e che è molto importante che sul territorio ci sia una adeguata copertura vaccinale per proteggere tutti, in modo particolare i più deboli, da malattie che possono essere anche molto gravi se sottovalutate. La varicella, anche se all’apparenza non sembra una malattia grave, non deve essere sottovalutata perché in alcuni casi può scatenare altre patologie più gravi che possono anche portare al decesso del paziente.

 

 

Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com
Potrebbero interessarti anche