La lista completa dei cereali senza glutine

Nell'alimentazione per i celiaci non tutti i cereali sono consentiti: ecco quali sono quelli che è possibile consumare

Photocredit: Pixabay

I celiaci sono affetti da una condizione che impedisce loro di mangiare molti cereali, altrimenti potrebbero sentirsi male. Tuttavia, esistono alcuni cereali che possono essere consumati da celiaci ed intolleranti al glutine, ed inseriti nel loro regime alimentare. Sono le alternative che solitamente vengono utilizzate per sostituire la farina standard nella produzione di alimenti senza glutine come la pizza, il pane e la pasta. Per coloro che sono celiaci diagnosticati, prima di usare qualsiasi ingrediente, bisogna verificare che sulle confezioni sia apposto il simbolo della spiga barrata o che il prodotto sia inserito nel prontuario AIC.

I principali cereali senza glutine

MAIS: Forse il principale sostituto dei cereali contenenti glutine è il mais. Esso costituisce una fonte importante di acido folico e vitamina B1, proprio per questo è altamente consigliato nell’alimentazione non solo dei celiaci, ma anche dei bambini piccoli e delle donne in gravidanza. Inoltre, contiene molto ferro, pertanto è un valido alleato per chi è affetto da anemia. La digeribilità del mais è elevata, poiché contiene numerose fibre. Tra le sue numerose proprietà, va annoverato anche il fatto che il mais è in grado di mantenere bassi i livelli di glicemia. 

GRANO SARACENO: Si tratta di una pianta erbacea ricca di elementi come lo zinco, il ferro ed il selenio. Proprio per questo, è utilizzato nelle diete dei soggetti che hanno carenza di ferro, ed inoltre serve per combattere diabete ed emorragie. Il suo impiego nell’ambito del senza glutine è la realizzazione della pasta.

RISO: la farina di riso è ampiamente utilizzata nella cucina senza glutine e non solo, per la preparazione di snack dolci e salati, per la pasta ecc. Insomma, i suoi impieghi sono molteplici. Inoltre, mangiare riso è consigliato poiché si tratta di un alimento molto digeribile, ricco di potassio e povero di sodio. Inoltre, è in grado di eliminare il gonfiore.

MIGLIO: Un altro cereale ampiamente utilizzato per la preparazione delle farine da impiegare nella cucina senza glutine è il miglio, in particolare per le sue caratteristiche lievitanti. Inoltre, trova il suo impiego nella cucina macrobiotica.

AMARANTO: L’amaranto è un cereale ricchissimo di proteine, con un valore nutrizionale particolarmente elevato. Contiene anche calcio, magnesio e ferro ed è in grado di aiutare le funzioni intestinale ed i processi digestivi.

SORGO: cereale ricco di fibre e altamente digeribile, ha una peculiarità è facilmente assimilabile. Ricco di vitamina E e vitamina B3, annovera tra i suoi componenti sali minerali come ferro, calcio e potassio, inoltre è definito come un alimento ricco di proprietà nutritive.

QUINOA: si tratta di un cereale dall’apporto energetico e nutritivo da non sottovalutare, grazie alla presenza di ferro, zinco, fosforo, magnesio, oltre che fibre e sali minerali.