La Sea Watch 3 forza il blocco ed entra nelle acque italiane, Salvini dice non diamo autorizzazione

L'Ong ha violato il no allo sbarco

nave ong sea watch 3

La Sea Watch 3 forza il blocco ed entra nelle acque italiane, con un annuncio su twitter la “capitana” Carola Rackete scrive “Basta, siamo entrati. Ho deciso di entrare in porto a Lampedusa. So cosa rischio ma i 42 naufraghi a bordo sono allo stremo. Li porto in salvo.L’Europa ci ha abbandonati”, dicono, “La nostra Comandante non ha scelta”. Poi un altro tweet: “Basta, entriamo. Non per provocazione, ma per necessità, per responsabilità”. Oltre 200 le persone sbarcate nei giorni scorsi a Lampedusa. Basta, siamo entrati”.

Immediata la risposta del Ministro Matteo Salvini: “Il comandante ha deciso di entrare a Lampedusa? Sappia che l’autorizzazione allo sbarco non c’è, schiero la forza pubblica, il diritto alla difesa dei nostri confini è sacra”. Il vicepremier non consentirà alla Sea Watch di approdare a Lampedusa. “Se in Europa esiste qualcuno ora li dimostri, se c’è governo ad Amsterdam con un pò di dignità lo dimostri”.

Due motovedette (Guardia Costiera e Guardia di Finanza) si dirigono in questo momento verso la nave per intimarle di fermarsi. Ricordiamo che la nave Sea watch 3 ha a bordo 42 migranti. Se la nave della Ong, non si fermerà all’ALT al suo arrivo a Lampedusa sarà sottoposta a sequestro amministrativo.

Potrebbero interessarti anche