Leaving Neverland, i pericolosi segreti di Michael Jackson

Leaving Neverland, è il documentario denuncia sulla vita di Michael Jackson dove si raccontano i misteri della sua morte improvvisa e la denuncia di pedofilia all'interno del suo parco per bambini, uscito negli Stati Uniti raccoglie la testimonianza di due presunte vittime. La figlia Jackson ha tentato il suicidio mentre il nipote sta raccogliendo i fondi per un docufilm anti Leaving Neverland

Michael Jacson, sfondo stradina ingresso Neverland Ranch. Indirizzo: 5225, Figueroa Mountain Rd., Los Olivos - CA 93441 U.S.A (Wikipedia)

Su Canale Nove, il 19 e 20 marzo, verrà trasmesso con ude puntato il documentario denuncia di Leaving Neverland su Michael Jackson. Due presunte vittime, Wade Robson e Jimmy Safechuck sono intervistate. Oggi hanno trent’anni ma allora avevano sette e dieci anni, nel breve spezzone pubblicitario mandato già in onda dal canale italiano, si riporta questa frase agghiacciante: “C’era un attico al terzo piano della casa. Era isolato. Andavamo là e facevamo sesso”. Il lungometraggio è stato prodotto da HBO e mandato in onda per la prima volta negli Stati Uniti. Il documentario ha suscitato polemiche e il caso giudiziario non si considera finito nonostante c’era stata un’assoluzione in vita e dopo la morte. In Canada e Nuova Zelanda, per protesta ma anche per non far scatenare ulteriori violenze e polemiche alcune programmazioni radiofoniche e televisive hanno deciso di non mandare in onda alcune canzoni di considerate collegate all’accusa di pedofilia. Il nipote di Michael Jackson sta raccogliendo fondi dal 21 gennaio per la produzione di un contro documentario che rianalizzerà le carte giuridiche di assoluzione della popstar. Di seguito, la sintesi del documentario andato in onda su HBO.

Leaving Neverland, sintesi e trama del documentario

La morte di Michael Jackson e le polemiche

La morte di Michael Jackson è stata improvvisa, alle ore 14.26 del 25 giugno 2009 la popstar viene colta da un infarto, portato urgentemente presso l’ospedale Ucla Medical Center è deceduto, l’autopsia ha riportato come causa un’intossicazione di propofol, soffriva di insonnia e assumeva spesso farmaci anti insonnia e depressivi. Doveva partire per Londra con un tour europeo e inglese di tre settimane, lo sgomento per la sua morte ha colto milioni di fans. Subito dopo il suo decesso si sono aperte le polemiche sulle accuse di pedofilia che non erano nuove, sull’eredità miliardaria alla figlia e sulla gestione del parco fantasia per i bambini dove Michael Jackson ha svolto molte attività benefiche. In questo spezzone potete vedere alcuni momenti inediti del cantante nel parco Neverland Ranch.

Dal tentato suicidio di Paris Jackson alla raccolta fondi del nipote per la contro denuncia

Leaving Neverland è stato prodotto e diretto dal regista britannico Dan Reed e si concentra sulle accuse di pedofilia. Le reazioni sono state diverse nel mondo, Louis Vuitton ha ritirato una collezione ispirata al cantante americano. La figlia Paris Jackson ha tentato il suicidio dopo la notizia della nuova pubblicazione di Leaving Neverland. Un sito di gossip, TMZ, ha dato la notizia del ricovero in ospedale a Los Angeles della ragazza di 21 anni, polizia e soccorsi sono entrati nell’abitazione della ragazza alle 7.30. Paris ha dichiarato tramite Twitter che si tratta di una fake-news e ha offeso sia i giornali che la produzione del docufilm: “Vaffanculo, fottuti bugiardi”. Su TMZ leggiamo due lanci di notizia: la prima relativa al rilascio dall’ospedale di Paris Jackson, la seconda degli interventi della figlia su caso del padre. Era stato accusato già diverse volte e una delle accusatrici era stata condannata per frode, assolvendo Michael Jackson da una delle prime accuse di pedofilia.

Nel documentario, le due vittime, Wade Robson e James Safechuch hanno raccontato particolari sulle relazioni intime avute, sui giochi sessuali e i finti matrimoni avvenuti in appartamenti privati e nel parco dei bambini. Alcuni particolari erano già conosciuti e riportanti all’interno delle giurie che poi hanno assolto il cantante. Dalla famiglia di Michael Jackson, si è creato un gruppo capeggiato dal nipote di Michael, Taj Jackson che risponderà al documentario Leaving Neverland con un contro documentario che dimostrerà l’innocenza del cantante e rianalizzerà i testi giuridici. La pagina di raccolta fondi è stata creata sul sito Gofundme e ha raccolto finora 93.000 dollari rispetto ai 777.000 richiesti. Sono state più di 2000 persone a raccogliere questi fondi in meno di un mese dall’inizio della campagna: 21 gennaio 2019.

Iole Di Cristofalo
Web Writer professionista e blog reporter. Mi occupo di scrittura creativa e professionale dal 2010. Ho seguito corsi di giornalismo e webcopy. Allieva LUA, Libera Università Autobiografia, per il corso di Giornalismo biografico. Ho partecipato a Workshop narrativi dedicati allo Storytelling auto e biografico. Dog sitter professionista come secondo lavoro e educatrice cinofila per hobby (sto studiando per diventarlo davvero ;) )
Potrebbero interessarti anche