Lesbo, la regina Rania di Giordania visita i migranti

Rania

A pochi giorni dalla visita di Papa Francesco, ha visitato i migranti in un campo profughi di Lesbo un’altra icona del dialogo tra popoli di culture e religioni diverse molto amata anche dai media: la regina Rania di Giordania.

Quella della splendida e affascinante moglie di Abdallah II al campo profughi di Kara Tepe, a Mitilene, è stata una visita a sorpresa, che ha riguardato soprattutto immigrati siriani ed iracheni in fuga dalla guerra e palestinesi:  gruppi che per altro si sono riversati in gran numero anche in Giordania. Anzi, la maggior parte dei giordani è di origine palestinese come la stessa sovrana – lei è nata a Kuwait City, ma il padre è originario di Tulkarem e la madre di Nablus, in Cisgiordania –.

Solo i siriani dovrebbero essere almeno 600mila nel piccolo Paese mediorientale, radunati in precarie condizioni soprattutto nei campi profughi di al- Zaatari e di al Azraq, nel deserto orientale – luoghi dove la mafia locale alimenta il traffico di bambini e di donne, poiché le famiglie, che non hanno più nulla, arrivano a sfidare la legge giordana ed a vendere le figlie in spose a ricchi e anziani uomini del Golfo, per cercare di sopravvivere –.

La regina Rania, accompagnata nella sua visita a Lesbo da membri dell’organizzazione umanitaria International Rescue Committee, ha invocato una “risposta collettiva” a questa “crisi eccezionale” dei migranti, di cui l’isola greca che diede i natali alla poetessa Saffo è diventata uno dei simboli più drammatici; una risposta collettiva “fondata sui valori e condivisione delle responsabilità e non sulla loro elusione”, ha detto la sovrana. “È impossibile comprendere veramente la portata di questa crisi fino a quando non ti trovi qui, non la vivi in prima persona – ha aggiunto – Ed è molto difficile per me decidere quale storia sia più grave dell’altra, perché ognuna sembra essere una tragedia incredibile”.

Avatar
Dopo la maturità classica, mi sono laureata all'Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano in Scienze dell'Educazione, con una tesi in Pedagogia Interculturale dal titolo "Donna e Islam: la questione del velo". Scrivo per diverse testate on-line come "Al-Maghrebiya", "Ebraismo e dintorni", il blog del "Legno Storto" su argomenti riguardanti il mondo arabo e islamico, soprattutto per quanto riguarda la condizione della donna, il Medio Oriente, Esteri, immigrazione e integrazione. Ho scritto due racconti: "Dopo la notte" (Il Filo, 2009) e "Soltanto una donna" (Albatros - Il Filo, 2011).
Potrebbero interessarti anche