Lettera dell’ostaggio Peter Kassig in mano all’isis ” Ho paura di morire”

peter kassig

La lettera di Peter Kassig inviata ai genitori con la data indicante il 2 giugno, esordisce con queste frasi  “Ho paura di morire, ma la cosa più difficile è non sapere, immaginare, sperare se posso addirittura sperare ancora”.

Le parole dell’ostaggio americano Peter Kassig, lasciano dolore e sgomento, tra le lacrime della sua famiglia ma anche della gente comune.

Loading...

La famiglia dell’ostaggio ha deciso di pubblicarne degli estratti su Twitter “perché il mondo capisca perché noi e tante altre persone lo amiamo e ammiriamo”. I genitori Ed e Paula Kennig hanno lanciato un video su you tube, sabato dove chiedono ai rapitori di rilasciare il loro figlio. La famiglia si è convertita all’Islam, dopo la conversione di Peter. Lo ha confermato un ex ostaggio affermando che il giovane 26 enne si era convertito all’Islam durante la prigionia cambiando il nome in Abdul Rahman.

[youtube SDKbB3-hdDc nolink]

Kassig, 26 anni, è stato rapito il primo ottobre dai militanti dell’Isis, in Siria, Il giovane aiutava a rifornire di aiuti i rifugiati in fuga dalla guerra civile.

Il Sunday Times riferisce che le forze speciali britanniche Sas attualmente si troverebbero sul terreno per catturare ‘John il jihadista’, il boia dell’Isis dall’accento britannico. Nonostante il via del presidente David Cameron per dare tutte le informazioni necessarie alle forze speciali Sas di intervenire, al momento le indicazioni ottenute non sarebbero sufficienti per il via libera ad un intervento poichè il gruppo dei miliziani dell’Isis sarebbero in continuo movimento nel deserto della Siria.