L’inventore dell’Allegro Chirurgo ha difficoltà a sottoporsi ad un’operazione

allegro_chirurgo-600x372

Nel 1964, John Spinello era uno studente di design industriale all’Università dell’Illinois, quando ideò l’Allegro Chirurgo e ne vendette il brevetto alla Milton Bradley.

Oggi, Spinello ha 77 anni ed ha bisogno, neanche a dirlo, di un intervento chirurgico che la sua assicurazione sanitaria non copre per intero.

Loading...

Penserete: qual è il problema? Sicuramente, dalla vendita del brevetto, Spinello ne ha ricavato una fortuna!

Ed è questo il problema: era solo uno studente e all’epoca non rifletteva tanto sul futuro, o meglio, da giovani si è certamente più restii a pensare alle avversità e alle difficoltà a cui purtroppo, prima o poi, la vita ti espone.

Spinello vendette il brevetto per soli 500 dollari ed oggi, per il suo intervento, ne servono ben 25000 dollari.

Così, Tim Walsh e Peggy Brown, amici di John e designer di giocattoli, hanno avviato una raccolta fondi tramite una campagna di crowdfunding su Crowdrise.com e ILoveOperation.com.

La raccolta sta funzionando, anzi sembra che la cifra sia stata raggiunta ed anche superata.

Spinello afferma “Preferisco non soffermarmi sull’aspetto economico e concentrarmi di più sulla gioia che il gioco ha portato a tanti nel corso degli anni.”

A volte forse ... un po’ sopra le righe, ma questa caratteristica mi permette di adattarmi alle situazioni più varie. Sono Carmela Giordano, ma preferisco essere chiamata Carmen, ormai è tutta la vita che mi presento così e a volte mi sbagliano anche i documenti, ma non fa niente, si correggono. Nel 2001 mi laureo il psicologia presso l’ateneo di Urbino. Il lavoro di tesi mi porta ad avvicinarmi ad un mondo “senza parole” fatto di sensazioni, ad un mondo dove … “non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi” (da Il piccolo principe). Divento insegnante di massaggio infantile e socia dell’AIMI, Associazione Italiana Massaggio Infantile. Negli anni, conseguo altre certificazioni, perfezionamenti e specializzazioni. Con la tesi di specializzazione, discussa nel novembre del 2008, riesco ad unire le due passioni della vita: il teatro, con lo studio del "Metodo Stanislavskij" e la psicologia, con l’ottica Funzionale. Nel tempo mi sono occupata di tanti ambiti diversi: clinica, formazione, psicodiagnosi, marketing ed organizzazione di eventi, editoria ed altro.
Potrebbero interessarti anche