L’ISIS contro i gatti

th

Nei territori della città di Mosul controllati dai miliziani del sedicente Stato islamico non si potranno più tenere gatti in casa: la nuova regola è stata dettata direttamente da alcuni dei capi del sedicente Califfato e verrà applicata al più presto. Secondo le idee degli uomini in nero del Califfato i gatti sono impuri e assolutamente contrari al vero spirito dell’Islam e per questo devono essere tutti sequestrati ai loro proprietari e soppressi nel minor tempo possibile.

Questa assurda e crudele decisione che alimenta la barbarie verso animali dolcissimi e indifesi è ancora più strana perché il Profeta Maometto amava moltissimo la sua gatta e anche nel Corano i gatti sono descritti come animali puri e quasi sacri, perché benedetti dal Profeta in persona. Anche in alcuni video di propaganda dello stesso Stato islamico i gatti appaiono molto spesso addormentati e coccolati dagli stessi miliziani che adesso li odiano con lo scopo di attirare nuovi adepti.

Loading...

I gatti della città irachena di Mosul non potranno più rimanere nelle case con i loro padroni e dovranno essere consegnati ai miliziani che passeranno casa per casa a controllare che non ci siamo tracce di felini; i proprietari che cercheranno di nascondere i loro gatti alla furia cieca e senza alcun senso degli islamisti dovranno subire punizioni molto severe.

Tante associazioni animaliste sono già insorte e chiedono a gran voce che la comunità internazionale fermi al più presto una simile barbarie contro questi animali meravigliosi che sono i gatti, con il loro portamento ondeggiante e lo sguardo un po’ misterioso. I miliziani islamisti hanno già dimostrato più volte di non avere il minimo rispetto per niente e nessuno e questo atto vile e crudele contro i gatti ne è ancora una volta una triste conferma: coloro che non riescono a portare rispetto per i bambini, le donne e tutti quelli che hanno opinioni diverse dalla propria non riusciranno mai a capire che ogni creatura è a suo modo unica e speciale ed ha tutti i diritti di vivere in un mondo libero dalla violenza.

 

Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com