Marcos Cafù: morto il figlio durante una partita di calcio

È morto a causa di un infarto il figlio del fuoriclasse brasiliano Marcos Cafù durante una partita di calcio

In queste ore il calciatore Marcos Cafù è sotto i riflettori della cronaca  di tutto il mondo, ma non per le molte voci di corridoio che lo descrivono in bancarotta, successivamente smentite dal campione brasiliano.

La notizia che riguarda cafù è molto più grave e non si tratta di una bufala. Purtroppo la giovane vita del figlio, Danilo Moraes, è stata stroncata da un infarto fatale durare una partita di calcio. A spiegare la dinamica, secondo la nota testata giornalistica brasiliana, è proprio un amico del ex fuoriclasse brasiliano Paulo Sergio. 

Danilo, il figlio del due volte campione del mondo, mentre stava giocando a calcio si è accasciato improvvisamente. Un malore improvviso l’ha colpito mentre stava correndo dietro al pallone. Purtroppo sono stati praticamente inutili tutti i tentativi di rianimazione, il cuore di Danilo ha smesso di battere. La vicenda è avvenuta nella casa di famiglia a Baureri, regione metropolitana di San Paolo.

Paulo Sergio Sottolinea come il malore sia stato improvviso, un fulmine a ciel sereno, dopo soli 10 minuti di gioco. Immediati sono stati i soccorsi con la corsa disperata in ospedale, purtroppo è stato tutto vano. L’ultima apparizione del trentenne risale a poche settimane fa sul profilo social di Cafù, insieme a tutta la famiglia.

Messaggi per Cafù da parte dei club 

Sui social network tutti gli ex compagni di squadra, il club che lo hanno ospitato è anche tutti i suoi ex avversari hanno espresso l’immenso dolore. Tutti gli esponenti del mondo del calcio in queste ore sono vicini al Campione brasiliano, colpito in pieno da un evento tragico.

Non sono mancate le condoglianze da parte di giornalisti e emittenti tv che molto spesso hanno parlato del campione verde oro. Tutto il Brasile è vicino al 2 volte campione del mondo per non lasciarlo solo in questo momento difficilissimo. 

Leggi anche: Caso Maiorana: al via nuove indagini

Potrebbero interessarti anche