Mentone, la città giardino

Bellezza , storia e arte nella città-giardino.

Le sue origini risalgono all’antica Roma, come dimostrano gli scavi dei Balzi Rossi di Grimaldi, che si intravvedono alla Frontiera con l’Italia. Infatti Mentone collegava Nizza a Roma attraverso la via Jiulia Augusta.

La sua storia successiva vide come protagonisti i Grimaldi che ne furono signori dal 1346 per cinque secoli, rendendola così parte del Principato di Monaco. Oggi è considerata la città-giardino, la cui vista si staglia luminosa dall’azzurro mare, in posizione strategica tra questo e le montagne , tra Monaco e l’Italia. Alcuni dei suoi giardini sono considerati monumenti storici, mentre il suo nome è menzionato come la “prima città d’arte e storia della Costa Azzurra”.

Divenuta capitale di Cocteau con l’apertura del museo omonimo nel 1911, va visitata con calma, godendone monumenti e giardini che si riflettono nell’azzurro, senza fretta. In primavera e in autunno i colori esplodono dal giardino Fontana Rosa, creato per imitare un angolo di Valencia a quello di Villa Maria Teresa al limite della città, il cui giardino è considerato la più grande collezione di agrumi d’Europa, di pal.Carnolès,  con l’Orto dei Principi, fino alla Serra della Madonna , creata nel 1924 da Laurence Johnston, definito monumento  storico nel ’90.

Una particolarità di Mentone sono i limoni che rappresentano i migliori delle 80 specie esistenti.Ogni anno, infatti c’è la Festa del Limone:: la  85ma edizione ci sarà dal 17 febbraio  al 7 marzo 2018. Il 6 novembre 2011  fu fondato– come si è detto- il nuovo museo Jean Cocteau-Collezione Windermar. Qui si trova la sala dei Matrimoni decorata da Cocteau e il Museo del Bastione, sempre a lui dedicato, ospitato in un fortino del XVII°sec.

Provenendo dalla periferia si puo’ raggiungere la città vecchia attraversando la passeggiata sul lungomare: verso la fine tra un ristorantino e l’altro si apre l’accesso alla stradina pedonale, detta Saint Michel: Ci si trova in mezzo a palazzi del ‘700-‘800, e ai vivaci colori dei negozietti con le merci esposte. Sono i colori della Provenza, dal giallo dei limoni al lilla della lavanda, il verde e l’arancio…Su un lato si apre la viuzza che si arrampica fino in cima alla citta vecchia, nella parte alta,arroccata sul promontorio più alto, con le sue chiese, il castello,scalette e stradine, risale al XIII° sec. Dall’alto si può godere l’azzurro sconfinato di tutta la Baia fino a Ventimiglia in Italia.

Da via Saint Michel, si prosegue lungo il viale su cui si affaccia il Casinò e le ville d’epoca della prima metà del’900, immerse in rigogliosi giardini, tra cui alcune sono state trasformate in hotel. Qui si trova anche l’antica residenza estiva dei Grimaldi, i principi di Monaco,divenuta Museo delle Belle Arti, con opere dal XIII° sec. in poi, ma un profondo senso di pace si respira soprattutto al Monastero dell’Annunziata, considerata la culla della città.

Grazia Paganuzzi

Avatar
Sono una giornalista pubblicista dal 1991 laureata in Pedagogia, specializzata in turismo culturale: antichi centri storici e borghi d'arte, residenze d'epoca, castelli, mostre d'arte, storia e musica... Ho viaggiato in Italia, Area Mediterranea, Europa e Centr'America. Ho un mio sito: "voyagedart.com".
Potrebbero interessarti anche