Mishustin: “Economia russa prosegue nonostante sanzioni”

Il premier russo ha parlato durante una riunione del bilancio federale

L’Occidente guidato dagli Stati Uniti non è riuscito a espellere la Russia dall’economia globale, ma ovviamente continuerà a spingere il paese fuori dai suoi mercati abituali, ha affermato mercoledì il primo ministro russo Mikhail Mishustin intervenendo a una riunione sul bilancio federale russo.

Certo, i rischi non sono scomparsi. Finora, l’Occidente collettivo non è riuscito a spingere il nostro Paese fuori dall’economia globale, e i loro tentativi hanno portato a prezzi altissimi sul mercato mondiale e a timori su come per sopportare il prossimo inverno. Tuttavia, è ovvio che continueranno a metteci in difficoltà. Di questo si dovrebbe tener conto quando si elaborano i piani per il futuro, senza dimenticare i nostri compiti strategici“, ha sottolineato il premier .

- Advertisement -

Mishustin ha osservato che le sanzioni dell’Occidente hanno essenzialmente perseguito due obiettivi: destabilizzare rapidamente il sistema finanziario russo e indebolirne il potenziale interrompendo i legami economici e le catene di produzione.

Non li abbiamo lasciati scuotere l’economia russa. Le misure prontamente messe in atto dal governo e dalla Banca di Russia hanno permesso di mantenere la stabilità finanziaria nel Paese e hanno contribuito alla riformattazione di molti progetti, consentendo al contempo di sostenere i gruppi più vulnerabili“, ha aggiunto il presidente del Consiglio.