Mitsubishi e governo russo, al via i lavori per un nuovo gasdotto

Il progetto si chiamerà Sakhalin-2

Mitsubishi ha confermato ufficialmente di aver raggiunto un accordo con la Federazione Russa per iniziare a pianificare il progetto petrolifero denominato Sakhalin-2. Lo ha affermato giovedì la compagnia giapponese sul suo sito.

Abbiamo ora confermato che la domanda è stata approvata dal governo della Federazione Russa. Discuteremo i termini e le condizioni di questo patto parasociale con le parti interessate e continueremo a valutare i rischi relativi al progetto, discutendo dei vari scenari“, ha affermato la società.

- Advertisement -

Il 31 agosto il governo russo ha autorizzato il trasferimento del 10% di gas ai giapponesi per il progetto Sakhalin-2.

Intanto i prezzi del gas in Europa sono aumentati di quasi tre volte, segnando una nuova flessione. In particolare, il prezzo ha toccato quota 2.500 dollari per 1.000 metri cubi, secondo i dati ICE con sede a Londra.

- Advertisement -

I futures sul gas inoltre si sono attestati a circa 960 dollari per 1.000 metri cubi lo scorso 1 giugno. La sessione di negoziazione del 31 agosto si è conclusa con 2.490 dollari per 1.000 metri cubi, in aumento di 2,6 volte rispetto all’inizio dell’estate. Il prezzo massimo è stato di 3.541 dollari per 1.000 metri cubi, una cifra molto vicina al record stabilito il 7 marzo (3.900 dollari).