Mose: effettuato primo test per separare Venezia dalla Laguna

Alla cerimonia presente il premier Giuseppe Conte insieme alle altre cariche istituzionali

Photo Credit: Pixabay

A Venezia la laguna è stata chiusa per alcune ore per effettuare il primo test completo sul Mose, un sistema di dighe mobili ( in tutto 78) pensato per salvare la città dall’acqua alta. Una prova effettuata dai tecnici del Consorzio Venezia Nuova che si avvia verso la conclusione della maxi-opera prevista per il 31 dicembre 2021 dopo il recente allagamento del 12 novembre scorso quando l’acqua alta raggiunse i 183 centimetri.

Mose: prova generale

All’evento erano presenti le massime cariche istituzionali tra cui il premier Giuseppe Conte, i ministri Luciana Lamorgese (Interno), Paola De Micheli (Infrastrutture) e Federico D’Incà (Rapporti con il Parlamento), assieme alle autorità locali, dal presidente del Veneto Luca Zaia al sindaco Luigi Brugnaro.

Sull’isola artificiale di 65mila metri quadrati che divide la Bocca di Porto del Lido è stata installata una cabina di controllo per le operazioni di sollevamento e discesa delle paratoie nelle quattro “bocche” da Lido-Treporti, Lido-San Nicolò, Malamocco e Chioggia.

Il presidente Conte ha detto ” siamo qui per verificare l’andamento dei lavori” e subito dopo ha premuto il pulsante che ha dato il via alla prova generale assieme al progettista Alberto Ossola.

Opera non completata ci vorranno altri 18 mesi

 La commissaria alla conclusione del Mose di Venezia, Elisabetta Spitz ha spiegato che l’opera non è ancora terminata, ha dichiarato “il Mose non è finito, ci sono 18 mesi di lavori e test, bisognerà avviare il collaudo tecnico funzionale e poi alcuni anni di rodaggio per l’avviamento, per la progressiva ottimizzazione con procedure trasparenti e controllo rigoroso dei costi. In caso di acque alte eccezionali, ha proseguito, “già dal prossimo autunno sarà possibile innalzare le paratoie“.

Il piano Italia Veloce ha inserito il Mose tra le 36 opere idrauliche di cui velocizzare la realizzazione. Ma le associazioni Comitato No Grandi Navi-Laguna Bene Comune e AmbienteVenezia, non sono d’accordo con la realizzazione dell’opera. In occasione della prova generale alcune imbarcazioni si sono radunate vicino Piazza San Marco per protestare contro il Mose che definiscono un’opera inutile.