Mutuo under 36: un’opportunità da non lasciarsi scappare per i giovani

Lo Stato italiano aiuta i giovani che vogliono acquistare la prima casa

I giovani italiani stanno più a casa dei genitori, rispetto al passato. Complice la situazione economica precaria e il cambiamento di abitudini. Il tasso di natalità è al minimo storico e se prima ci si sposava presto ora non è più così. I motivi sono anche di tipo sociale e avere una casa propria rappresenta un passo importante verso l’indipendenza e la realizzazione personale.

Lo Stato è intervenuto con una misura significativa, le agevolazioni per la prima casa per i giovani le quali permettono di avere accesso a chi ha un’età compresa tra i 18 e i 36 anni a finanziamenti particolarmente vantaggiosi. Un’opportunità da non lasciarsi davvero scappare.

- Advertisement -

Mutuo giovani: quali sono le condizioni

Il Decreto Sostegni Bis ha portato una piccola rivoluzione nell’ambito dei prodotti finanziari come i mutui prima casa. In questa particolare formula è lo Stato che si impegna a fare da garante, per un importo compreso fino all’80% e una quota massima di capitale non superiore ai 250.000 euro. Hanno diritto single, coppie di coniugi o conviventi da almeno 2 anni, anche nel caso abbiano minori a carico oppure usufruiscano di una casa popolare, a patto che l’Isee risulti inferiore ai 40.000 euro annui.

L’innovazione più importante dei mutui under 36 risiede, quindi, nel fatto che non è più necessario avere una persona che faccia da garante: a impegnarsi è direttamente lo Stato. L’immobile deve avere determinate caratteristiche: può essere solo una prima casa o una riqualificazione; non sono inclusi gli edifici classificati al catasto come categoria di lusso. Gli altri vantaggi del mutuo under giovani sono rate più basse e tassi estremamente inferiori a quelli che si trovano nelle altre proposte.

- Advertisement -

Per richiedere il mutuo under 36 è necessario rivolgersi sia a un ente bancario che lo abbia inserito nel proprio pacchetto finanziario, ce ne sono davvero tanti e si possono trovare anche sul web in pochi clic, sia fare domanda alla Consap, l’ente statale predisposto alla gestione di tale tutela; il modulo è disponibile online e la procedura è piuttosto semplice. Una volta che la Consap avrà dato il suo benestare, dopo aver verificato che il richiedente abbia i requisiti, la procedura potrà essere attivata dalla banca.

La situazione dei giovani in Italia

L’Italia sta vivendo un momento delicato dal punto di vista della situazione economica. È da prima della pandemia che si parla di recessione tecnica, un termine che indica la presenza del prodotto interno lordo in senso negativo per due trimestri di fila. I problemi passano anche per la formazione che hanno i giovani, dove la media in termine di istruzione è ben al di sotto di quella europea che vede al 40% il numero dei giovani in possesso di una laurea o di un titolo terziario, un dato che in Italia è al 27,6%.

- Advertisement -

Imprescindibile, quindi, investire sia nella formazione sia in forme di tutela per chi ha un lavoro precario, cosa piuttosto frequente nel Belpaese ancora di più tra i giovani. Motivi che hanno spinto lo Stato a intervenire con agevolazioni concrete tra cui il mutuo giovani under 36.

Lorita Russo
Lorita Russo
Social media specialist, Seo Specialist, specializzata in tecnologia, scienza e cucina. Sono un influencer e reviewer, amante della lettura umanistica e dei problemi sociali. Ho un sito di cucina Facili idee e il gruppo Facebook che conta ben 150 mila follower