Nato: cacciabombardieri russi intercettati sui cieli d’Europa

Nato f-16

Il tenente colonnello Jay Janzen, portavoce della Nato, ha divulgato il rilevamento di significative e insolite attività dell’aviazione militare russa nello spazio aereo europeo: “sconfinamenti” sui cieli del Mar Baltico, del Mare del Nord e del Mar Nero, che negli ultimi due giorni hanno imposto lo “scramble” di caccia intercettori portoghesi, britannici, turchi, tedeschi e norvegesi.

Il Washington Post ha diffuso le dichiarazioni di Brynjar Stordal, portavoce delle forze armate della Norvegia, che ha documentato l’identificazione di quattro bombardieri strategici Tu-95 Bear H, intercettati dagli F-16 norvegesi e costretti a cambiare rotta. Nella giornata di oggi, come riportato dall’ANSA, altri aerei militari russi sono stati rilevati sui cieli del Mar Baltico, imponendo decolli rapidi agli F-16 portoghesi preposti alla difesa dello spazio aereo. Intercettati i caccia Mig-31, Su-34, Su-27 e Su-24, che hanno prontamente invertito la rotta.

Loading...

Oltre 100 episodi analoghi nel corso dell’anno, cifra triplicata rispetto al 2013, a testimonianza dell’ intensificazione delle manovre aeree “anomale” condotte dall’aviazione militare russa. Il portavoce Nato ha sottolineato i pericoli di collisione per l’aviazione civile, visto che gli aerei militari volano senza comunicare un piano di volo e senza trasmettere la propria posizione alle autorità preposte al controllo del traffico aereo. Alla luce delle forti tensioni nell’ Europa dell’est, c’è chi parla di clima da guerra fredda.

Potrebbero interessarti anche