La nuova donazione del Fondo Antidiossina al reparto Oncoematologia

Un contributo fondamentale reso possibile grazie alla beneficenza e all'altruismo

Il reparto Oncoematologia chiama, il fondo Antidiossina Taranto risponde

Il comunicato stampa del presidente del Fondo Antidiossina Taranto, Fabio Matacchiera

Dopo la donazione del 10 dicembre scorso da parte del Fondo Antidiossina dell’emogasanalizzatore computerizzato, corredato da numerosi importanti accessori, del valore totale di euro 8540,00, destinati al reparto di Oncoematologia dell’Ospedale “G.Moscati” di Taranto, diretto dal dott. Giovanni Pisapia, è stata ricevuta una ulteriore e urgente richiesta di fornitura di reagenti e cartucce che incominciavano a scarseggiare in tale reparto, a causa dell’incessante utilizzo di quella strumentazione, soprattutto a favore delle persone sottoposte a trapianto di midollo osseo e cellule staminali.

La richiesta: Urge la fornitura di reagenti e cartucce; il Fondo Antidiossina Taranto si mobilita, acquista, dona e consegna il materiale richiesto

Ebbene, anche questa volta la onlus Fondo Antidiossina ha risposto positivamente alla chiamata, acquistando e consegnando l’ulteriore materiale richiesto del valore di euro 3660,00. La donazione della Onlus Fondo Antidiossina al reparto, diretto dal dott. Giovanni Pisapia, responsabile S.S.D. trapianto midollo osseo e cellule staminali, raggiunge così un valore complessivo di euro 12.200,00.

La beneficenza e l’altruismo, i due fattori che hanno contribuito a rendere possibile un gesto così importante!

La somma è stata raccolta grazie alla generosità di tanti semplici cittadini e ai proventi del 5X1000 .

Loading...

Prof. Fabio Matacchiera (presidente Onlus Fondo Antidiossina Taranto)

Focus – Prof. Fabio Matacchiera, il presidente del Fondo Antidiossina Taranto 

Fabio Matacchiera, il presidente del Fondo Antidiossina Taranto, un uomo che si batte per la sua amata città e per i suoi cittadini, per una nobile causa che li accomuna. Inquinamento, salute e ambiente nel cuore di un uomo che, per i tarantini, rappresenta la “speranza”, il “cambiamento” per un “futuro migliore”.

Il Fondo Antidiossina Taranto

Nel 2010 è partita la raccolta fondi a Taranto per l’istituzione del “Fondo Antidiossina Taranto”.

Difatti, la città bimare è quella con le più alte concentrazioni di diossina industriale, circa il 90 percento dell’intera diossina emessa a livello nazionale e l’8° a livello europeo.

Si è così costituita l’Associazione onlus “Fondo antidiossina Taranto” che ha lo scopo di consentire, attraverso analisi specifiche, la ricerca delle sostanze dannose che si possono accumulare nell’organismo umano, negli animali e nei prodotti alimentari.

 Il Fondo Antidiossina è stato fortemente voluto dal professor Fabio Matacchiera, in quanto è riconosciuto che nell’area Jonica le industrie producono il 9 percento della quantità totale nazionale di diossina, una percentuale spaventosa di una sostanza che ormai è entrata prepotentemente nella catena alimentare, minacciando seriamente la salute della gente che è sempre più esposta ai danni da inquinamento industriale e quindi sempre più a rischio di malattie mortali.
Il Fondo non si muove in contrapposizione all’operato delle istituzioni e del Servizio sanitario nazionale, come affermato dagli stessi promotori, ma intende fornire un contributo alla ricerca scientifica, rivolto alla tutela della salute degli stessi cittadini di Taranto e del loro ambiente.

Inoltre, lo statuto (e non solo) dell’associazione permetterà trasparenza e correttezza perché gli esami clinici sul sangue
e sulle sostanze organiche e fisiologiche di origine umana avverranno attraverso prelievi effettuati da personale specializzato e su cittadini volontari.