Nuova legge sulla privacy negli Stati Uniti

tutela-dei-dati

Approvata negli Stati Uniti una nuova legge sulla privacy: l’amministrazione Obama tenta di mettere a tacere così le critiche per il programma di intercettazioni della potentissima National Security Agency che aveva coinvolto anche importanti leader europei come Hollande, Merkel e Berlusconi.

Con il nuovo provvedimento chiamato  Judicial Redress Act Bill, vengono estesi ai cittadini dei Paesi alleati gli stessi diritti di riservatezza che fino ad oggi valevano solamente per i cittadini statunitensi e vengono limitate le intercettazioni solo ai casi di terrorismo e violazioni gravi delle leggi. I cittadini di Paesi amici degli Stati Uniti che vedano i loro dati personali e sensibili violati in modo illegale potranno quindi  fare causa al governo di Washington e in caso di vittoria ottenere un risarcimento.

Loading...

Le ultime rivelazioni di Wikileaks  avevano messo in serio imbarazzo Obama e la sua amministrazione perché mettevano in discussione il rapporto di fiducia che normalmente dovrebbe esserci tra Paesi alleati e perché potevano fare pensare che gli Stati Uniti si stessero intromettendo troppo negli affari europei.

Recuperare la fiducia degli alleati è più che mai importante per Obama, soprattutto in vista dell’imminente accordo sul libero scambio commerciale con l’Unione Europea e anche perché molti militari statunitensi usano le basi europee per le loro missioni in Siria contro lo Stato islamico. I rapporti di affari tra gli Stati Uniti e i partner commerciali europei potevano essere seriamente a rischio se non si fosse ristabilita al più presto la fiducia e senza le necessarie garanzie di protezione dei dati più sensibili e per questo la nuova legge ha ottenuto il consenso bipartisan del Congresso.

Continua intanto il braccio di ferro tra le autorità statunitensi e la Apple per quanto riguarda il telefonino dell’attentatore di San Bernardino.

 

 

Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com
Potrebbero interessarti anche