Nuova truffa su WhatsApp

Attenti alle false comunicazioni bancarie

Fate attenzione quando controllate i vostri messaggi su WhatsApp perché potrebbero nascondere potenziali truffe. L’ultima riguarda un messaggio della Banca Unicredit che invitava i correntisti a trasmettere le proprie credenziali di accesso al servizio di home banking.

Dietro al messaggio, nascosti sotto il logo della banca perfettamente riprodotto, si nascondevano dei truffatori che avevano accesso ai conti correnti degli utenti e li svuotavano inviando il denaro su loro conti personali. Attraverso le credenziali di accesso fornite dagli stessi utenti che cadevano nella trappola, per i truffatori è molto facile prelevare il denaro, trasmetterlo a loro conti privati magari all’estero e poi spenderlo come vogliono. Purtroppo è una truffa molto ben congegnata che simula esattamente una tipica comunicazione bancaria con tanto di logo perfettamente copiato che inganna i clienti della banca e li induce a pensare che si tratti di una vera e propria comunicazione istituzionale.

La banca Unicredit ha fatto sapere che non invia mai comunicazioni via mail o via WhatsApp ma utilizza sempre la lettera cartacea; in ogni caso non bisogna mai rivelare a nessuno le credenziali private di accesso ai servizi di home banking. In caso di dubbio è sempre meglio recarsi presso la filiale della banca più vicina e chiedere spiegazioni; gli addetti potranno proteggere i clienti dalle truffe e spiegare per bene il funzionamento di conti correnti ed investimenti.

Loading...

Nessuna banca chiede ai propri clienti di inviare via mail oppure su WhatsApp i propri dati riservati e tantomeno le credenziali di accesso ai servizi on line, di solito comunicazioni che invitano a condividere i dati personali nella stragrande maggioranza dei casi sono truffe. Prima di compilare form che chiedono informazioni sensibili e riservate è sempre meglio controllare bene il sito da cui derivano perché in molti casi è da lì che si capisce se si sta cadendo in una truffa. Con il grande successo dell’app di messaggistica WhatsApp anche i truffatori hanno capito le grandi potenzialità di questo mezzo di comunicazione ed è importante imparare a difendersi.

 

Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com
Potrebbero interessarti anche