Obama in Kenya, “l’Africa cresce”

3063052882_946dfca34d_z

Barack Obama è in Kenya per la prima volta da presidente degli Stati Uniti.

Un ritorno nella sua Terra d’origine, da dove partì suo padre, per le Hawaii, dove nacque Mr. President. Obama ha riscaldato le speranze dei kenioti. Ha detto il Presidente, davanti a una platea di imprenditori riunita a Nairobi: L’Africa è in movimento, corre: la povertà diminuisce, i redditi salgono e la classe media è in crescita”. Obama, oggi, visiterà il memoriale dell’attentato all’ambasciata USA nel 1998 e avrà un colloquio con il presidente Uhru Kenyatta.

Loading...

Ha proseguito Obama: “Il Kenya ha fatto progressi incredibili negli ultimi dieci anni, sono fiero di voi. Quando sono stato a Nairobi dieci anni fa era una città diversa, ci aspettiamo grandi cose da voi”. Il Presidente ha insistito sul ruolo delle donne, che devono essere libere di scegliere e di poter creare imprese con grande entusiasmo per uscire dal ruolo marginale che la società assegna loro.

Nairobi, oggi, è una città blindata, con imponenti misure antiterrorismo adottate per la paura di attacchi degli shabab somali.
Al meeting ha parlato anche il presidente keniota Kenyatta, che ha smentito la teoria della disperazione africana, per un ruolo molto attivo nella creazione d’impresa da parte del Continente Nero.

Stefano Malvicini

Potrebbero interessarti anche