Omicidio fidanzati Pordenone: che fine ha fatto Giosuè Ruotolo?

Omicidio Teresa e Trifone, cosa è successo dopo tutti questi anni?

In molti ricorderanno di questo caso di cronaca che scosse l’Italia: due giovani fidanzati, di 29 e 30 anni, furono misteriosamente freddati da dei colpi di pistola, all’interno del parcheggio del palazzetto in cui si allenavano. Trifone Ragone, caporalmaggiore dell’esercito, e la fidanzata Teresa Costanza, furono uccisi a Pordenone nel 2015. Unico indagato, sin dall’inizio, fu l’amico della coppia Giosuè Ruotolo, che ora si trova in carcere, condannato all’ergastolo in via definitiva, in tutti e 3 i gradi del processo.

La sera del 17 marzo 2015, Teresa e Trifone erano appena usciti dalla palestra, quando salirono in macchina per tornare a casa. Intorno alle 20, qualcuno esplose dei colpi contro di loro, e i fidanzati vennero rivenuti senza vita dentro l’auto da dei passanti.

- Advertisement -

Tuttavia, inizialmente i sospetti non si incentrarono su Ruotolo, che addirittura il giorno del funerali portò sulle spalle la bara dell’amico e collega.

Fu quando, interrogato dagli inquirenti a distanza di tempo, diede una versione dei fatti assai diversa. Da lì gli inquirenti iniziarono a nutrire dei sospetti nei suoi riguardi.

- Advertisement -

Solo successivamente, messo alle strette, Ruotolo confessò che anche lui quella sera si trovava al palazzetto, e che vi si era recato per allenarsi.

Nel marzo del 2016 l’ex commilitone di Trifone Ragone venne arrestato. “Abbiamo un quadro indiziario complesso che porta all’affermazione di responsabilità per Giosuè Ruotolo”, confermò il procuratore Martani.

- Advertisement -

Ruotolo fu incastrato dalle chat, dalle telecamere di sorveglianza e dalle sue stesse affermazioni spesso sconclusionate e contraddittorie circa la versione dei fatti.

Condannato in tutti i gradi del giudizio, Ruotolo, con sentenza definitiva, è infine stato condannato all’ergastolo nel 2017 dalla Corte Suprema di Cassazione.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.