Panico in A14, si stacca del calcestruzzo da un ponte

Ferita una donna

Sulla A14 si è scatenato il panico quando un pezzo di calcestruzzo è caduto da un ponte finendo sulla macchina di una donna che è rimasta pesantemente ferita. L’incuria in cui versano le nostre infrastrutture si fa sentire e ogni giorno siamo qui a parlare di gravi problemi strutturali che riguardano ponti, ma anche gallerie e viadotti.

Ad avere la peggio in questo caso è stata una donna di cinquantotto anni, originaria di New York, che è rimasta ferita ed è stata ricoverata all’Ospedale Maggiore. È successo lunedì, intorno alle 13.45, al chilometro 10 del tratto autostradale, sul ponte del fiume Reno. Ma chi sarà la prossima vittima se non si agirà su tutte le infrastrutture?

- Advertisement -

Il distacco

E’ stato un pezzo di calcestruzzo di 2 chili e 400 grammi di peso che è finito contro il parabrezza dell’auto e ha mandato in frantumi la porzione corrispondente al lato passeggero.

Subito l’autostrada è stata chiusa e sono incominciate le indagini per capire come mai il ponte ha avuto un danno tanto grave; le intemperie e il maltempo di questi giorni di certo hanno contribuito a rendere tutto più fragile ma bisognerà vedere se la manutenzione era fatta con regolarità. Bisognerà assolutamente capire cosa è andato storto.

- Advertisement -

Incuria e abbandono

Molte delle nostre infrastrutture soffrono per colpa di incuria, degrado e abbandono, come se nessuno si curasse di loro e le lasciasse al loro destino.

Strade, ponti e viadotti costruiti male, quando si pensa solo al risparmio invece delle vite umane che frequenteranno questa strada, sono la prova che da noi qualcosa non va. Uomini, donne e bambini che ogni giorno transitano sulle nostre strade vanno salvaguardati e protetti perché una vita umana è più importante del risparmio. La manutenzione sempre rimandata e poi non fatta è un grave problema che mette tutti a rischio, e quando si va a rischio inevitabilmente subentra anche il panico.

- Advertisement -