Perù: giovane si sveglia durante il suo funerale

Molti sono i casi di persone tornate in vita

Perù, un giovane di 28 anni che giaceva all’interno della sua bara all’improvviso ha cominciato a muoversi. Da ore l’uomo era circondato dai suoi familiari, che in lacrime stavano dando al giovane l’ultimo saluto.

Watson Franklin Mandujano Doroteo, peruviano originario della città di Tingo Maria, ha iniziato all’improvviso a respirare. I parenti alla vista dei movimenti e della respirazione hanno immediatamente estratto il corpo del giovane dalla bara e lo hanno fatto visitare da un medico.

Il dottore ha subito confermato che il giovane era ancora vivo, così hanno trasportato Doroteo all’ospedale, ma purtroppo le condizioni critiche e il tardivo intervento ha portato il giovane alla morte, questa volta definitiva.

Ricostruzione della vicenda

Loading...

Secondo l’emittente televisiva locale ATV Noticias, Doroteo aveva subito lo scorso 21 ottobre una devitalizzazione ad un dente, ma una febbre improvvisa lo aveva colpito, tanto da doverlo ricoverare urgentemente all’Hospital de Contingencia di Tingo María.

I medici per evitare complicazioni gli avevano somministrato massicce dosi di sedativi che avrebbero portato la morte del ragazzo. Proprio uno dei familiari ha affermato che al giovane erano stati dati dosi di diazepam e che faranno causa all’ospedale.

La notizia per quanto possa sembrare assurda invece è vera, così come racconta l’Independent non è la prima volta che capiti un caso di morte apparente.

Nel marzo del 2014 un 79enne Walter Williams, originario di Lexington, fu dichiarato morto dopo che il suo pacemaker aveva smesso di funzionare. Trasportato alle pompe funebri e chiuso in un sacco per essere imbalsamato, l’uomo aveva cominciato a muoversi.

Altro caso clamoroso è quello di Carlos Camejo, venezuelano di 33 anni, dichiarato morto durante un incidente autostradale. L’uomo si è svegliato durante la sua autopsia. Carlos ha detto che si è svegliato dopo che i medici dell’obitorio, hanno iniziato l’autopsia, incidendogli il viso.

“Il dolore era insopportabile”, ha detto ai giornalisti in seguito.

I medici si accorsero che l’uomo era vivo poichè durante l’incisione videro il viso sanguinare. Quando la moglie arrivò per riconoscere il corpo, trovò il marito vivo in corridoio. Il signor Camejo è stato successivamente fotografato con una copia dell’ordine per la sua autopsia.

CONDIVIDI
Lorita Russo

Sono l’ Amministratrice e Responsabile Marketing di Quotidianpost, editor, articolista e reviewer. Gestisco un mio blog di cucina Facili Idee. Sono proprietaria di un canale youtube e di un gruppo di cucina di 58.000 follower.

Loading...