Pulsano – Ecotassa? Come tegola sui cittadini

Il Consigliere Indipendente, Angelo Di Lena:"Pulsano nella black list dei Comuni colpiti dalla Ecotassa per il disservizio della raccolta differenziata"

Di Lena:”Il Comune di Pulsano onerato, a causa della scarsa, o per meglio dire, quasi nulla percentuale di raccolta differenziata dalla ecotassa imposta dalla Regione Puglia a causa di questo disservizio”

 

La situazione di Pulsano – proferisce il Consigliere Indipendente, Angelo Di Lena – in materia di smaltimento dei rifiuti è davvero grave e l’ecotassa è una vera e propria beffa per i cittadini.

Loading...

Tutti conoscono il mio impegno con numerose mozioni e interrogazioni presentate in consiglio comunale a Pulsano per migliorare questo servizio, nonché le mie denunce di disservizio per la raccolta DEI RIFIUTI nei giorni feriali.

 

Ma, tutti i miei avvertimenti non sono serviti a nulla e Pulsano è stata inserita, dalla Regione Puglia con una determina dirigenziale del settore rifiuti e bonifiche pubblicata nel burp, nella lista di quei Comuni che saranno penalizzati da questa ecotassa di € 25,82 (con l’intervento legislativo rimarrebbe inalterata, per alcuni comuni, l’aliquota massima di 15 euro per ogni tonnellata di rifiuti conferiti in discarica e non troverebbe applicazione, invece, quella di 25,82 euro per tonnellata prevista dalla legge regionale n. 38/2011, come rammentato dal consigliere regionale Enzo Colonna) peraltro il massimo previsto per tonnellata di rifiuti che sono conferiti in discarica.

 

A causa di questo disservizio del Comune, i cittadini che pagano le tasse, dovranno contribuire in maniera sostanziosa alle casse regionali, le quali sono alimentate, soprattutto in questo periodo, con i proventi dell’ecotassa che verranno poi ridistribuiti sul territorio pugliese in altre forme legate alla galassia dei rifiuti solidi urbani. A Pulsano il sindaco Ecclesia che, a suo dire, aveva parlato di dati incoraggianti in materia di raccolta differenziata, si era mostrato determinato a scalare verso l’alto questa graduatoria.

Ma – conclude Di Lena – con le parole non si costruisce niente. I fatti sono quelli che contano”.