Riforma Senato: DdL Boschi passa il primo esame del Senato

 Senato

Rispettati i tempi dettati da Matteo Renzi: il Senato ha approvato  la Riforma Senato.

183 voti a favore, 4 astenuti, Lega Nord e SEL non partecipano al voto, il M5S esce dall’aula, questo il bilancio di questi giorno di fuoco impegnati sulla Riforma Senato.

Nel PD si contano 16 dissidenti che non partecipano al voto, bagarre in aula e accuse nei confronti del solito fenomeno dei pianisti. Voci contrarie anche nelle file di Forza Italia che pur sostiene questa riforma del Senato, in particolare da parte di Augusto Minzolin che ha sempre criticato pesantemente la Riforma  Senato ed è uscito dall’aula prima del voto. Tra le cose da annotare l’approvazione di un emendamento di SEL in favore delle minoranze.

Loading...

Ora il disegno di legge di Riforma Senato passa alla Camera, dovrà poi ritornare in entrambe le aule ed essere nuovamente votato. Nel caso in cui la Camera apporti modifiche il procedimento si appesantirà ulteriormente. Se in ultima votazione non si raggiungerà la maggioranza dei 2/3 cosa molto probabile, si potrà far luogo a Referendum.

Ecco gli approfondimenti:

Contenuti: https://www.quotidianpost.it/riforma-senato-contenuto-polemiche-immunita/

Problemi: https://www.quotidianpost.it/governo-ko-riforma-senato-cottarelli-i-grattacapi-renzi/

Ostruzionismo: https://www.quotidianpost.it/riforma-senato-ostruzionismo-di-sel-m5s-e-lega/

esortazioni: https://www.quotidianpost.it/riforme-senatori-dipende-futuro-paese/

Siccome la politica forse va in vacanza, con l’approvazione della Riforma del Senato ci salutiamo. Buone vacanze.