Russia: per connettersi al Wi-Fi ora servirà il passaporto

united-states-315266_640

Stop all’accesso anonimo a reti Wi-Fi in luoghi pubblici. Per connettersi in Russia sarà necessario il passaporto

Secondo gli ultimi regolamenti approvati in Russia, non sarà più possibile connettersi anonimamente alla rete Wi-Fi in luoghi pubblici.

Per potersi collegare ad internet in un parco, un bar o un ristorante, servizio offerto praticamente in ogni angolo del Paese, sarà necessario registrarsi con il proprio passaporto.

Loading...

Nel decreto sottoscritto dal premier Dmitri Medvedev si legge che l’operatore dovrà identificare nome e cognome di chi cerca di effettuare l’accesso alla rete Wi-Fi, chiedendo conferma con un documento di identità. Le informazioni sugli utenti e le relative credenziali di accesso, non verrano cancellate prima di sei mesi.

Nelle grandi metropoli russe le reti Wi-Fi con accesso libero sono comuni in numerosi luoghi pubblici, come nel nostro Paese, tra cui la metropolitana e gli autobus.

Inoltre, Vladimir Krasnov, portavoce della Rossvyazokhrankultura, cioè l’istituzione russa che si occupa di vigilare sulle comunicazioni di massa, le TLC, e che cerca di tutelare l’eredità culturale locale, ha comunicato che anche possedere un dispositivo Wi-Fi comporterà una registrazione delle apparecchiature e la richiesta di permessi per l’utilizzo dello spettro delle frequenze.

Smartphone, tablet e computer abilitati alla connettività Wi-Fi dovranno essere riportati all’interno di un registro. Al proprietario verrà consegnato un certificato strettamente personale in cui si certifica l’effettiva registrazione e ne autorizza l’uso dell’apparecchio, pena multe e sequestro dei dispositivi.

Ancor più complesso sarà l’iter che dovrà osservare chi vorrà installare una rete Wi-Fi domestica oppure una rete wiress per fornire connettività al pubblico; sarà, infatti, necessario compilare una serie di documenti e sarà necessario provare che la rete installata si attiene strettamente alle specifiche tecniche stabilite a livello statale.

Il governo russo, comunque, non ha riportato e specificato il motivo che ha reso necessario tale provvedimento, contradditorio e confuso secondo specialisti del settore.