Scandalo Oxfam

Violenze sessuali e prostituzione nelle missioni all'estero

L’organizzazione non governativa Oxfam è finita nella bufera dopo che si è scoperto il comportamento scorretto e deplorevole di alcuni funzionari durante le missioni all’estero, in particolare ad Haiti.

Il personale di Oxfam viene impiegato nelle aree di guerra o dove si è appena verificata una calamità naturale per soccorrere la popolazione civile e portare a chi ne ha bisogno cibo, medicinali ed altri generi di prima necessità. Non tutti i funzionari di questa organizzazione però si sono comportati in maniera corretta e professionale: alcuni avrebbero approfittato della situazione molto disagiata del luogo per organizzare festini a luci rosse con prostitute locali, alcune anche minorenni, pagandole pochi spiccioli.

Questo si  è verificato soprattutto ad Haiti, dove Oxfam ha dispiegato il proprio personale dopo il terribile terremoto che ha colpito l’isola nel 2010. Quel che è se possibile ancora peggio è che le ragazze sarebbero state pagate con i soldi donati con generosità dalla gente per scopi umanitari. Alcuni dirigenti dell’organizzazione sono stati accusati di avere insabbiato le denunce per evitare lo scandalo e di avere coperto i colpevoli.

Loading...

Lo scandalo però è stato portato alla luce dal Times e dalla versione domenicale del quotidiano The Obsrever ed è stato come se si fosse scoperchiato un vaso di Pandora; casi di molestie e violenze sessuali sono stati registrati in quasi tutte le missioni umanitarie all’estero a cui Oxfam ha partecipato. Già nel 2006 durante una missione in Ciad personale dell’organizzazione si era intrattenuto con prostitute locali ed in tante altre occasioni ci sono stati casi di sfruttamento della prostituzione minorile e pedofilia, visto che sono state coinvolte anche ragazzine minorenni.

La Ministra britannica dello sviluppo internazionale, Penny Mordaunt, si è detta sconvolta da accuse di tale gravità rivolte a chi avrebbe dovuto proteggere i più poveri e bisognosi ed ha dichiarato: ” Penso che sua un tradimento completo della fiducia che Oxfam aveva ad Haiti per aiutare le persone che avevano bisogno e la fiducia di chi li ha mandati laggiù per fare questo lavoro, è uno scandalo e i colpevoli non resteranno impuniti”.

Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com