Siria: donna curda si è fatta esplodere contro l’Isis, per non diventarne ostaggio

isis

Primo attacco Kamikaze contro i jihadisti dell’Isis. Una donna combattente curda si è fatta esplodere contro una postazione dell’Isis nelle vicinanze di Kobane. L’attentato ha provocato un numero di vittime imprecisato. L’Osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus), lo ha reso noto.

La donna kamikaze è stata identificata come Arin Mirkan, comandante della Ypg (Unità di protezione popolare curda).

Loading...

La ragazza, dopo aver terminate le munizioni, ha deciso di sacrificare la propria vita per non finire ostaggio dei miliziani dell’Isis. Avrebbe distrutto un mezzo blindato delle milizie islamiche e causato la morte di circa venti miliziani.

Potrebbero interessarti anche