Stati Uniti, Tennessee: sparatoria durante una festa

Orange Mound: festa di giovanissimi in corso e all'improvviso colpi d'arma da fuoco. Il bilancio è di 2 morti e 14 feriti

Le autorità di Memphis sostengono che questa festa fosse una sorta di rave non autorizzato. E’ stata stimata la presenza di 200-300 partecipanti.

La località è il parco di Orange Mound, Memphis, nello Stato del Tennessee. Non si conoscono ancora i dettagli, tuttavia il bilancio di questa serata non autorizzata è di 2 morti e 14 feriti.

- Advertisement -

Le ferite e anche i due decessi sono stati provocati da colpi di arma da fuoco.

Le forze dell’ordine del Tennessee stanno indagando per ricostruire la dinamica dei fatti, per individuare chi ha sparato e se si tratta di più di una persona. Da informazioni trapelate, risulta che per ora non sia stato formalizzato nessun arresto ma che i rilievi fatti finora conducano a due persone armate.

- Advertisement -

Gli agenti hanno stilato la lista di tutti i presenti a questa sorta di raduno al momento del loro arrivo nel parco di Orange Mound e andranno ad interrogarli uno ad uno.

I fatti risalgono a ieri sera quando la polizia di Memphis ha ricevuto la chiamata con richiesta di intervento alle 19:19. Al loro arrivo sul luogo della sparatoria, gli agenti hanno trovato 5 persone a terra ferite, di cui due già morte. I soccorsi hanno provveduto al trasferimento in ospedale degli altri tre.

- Advertisement -

Complessivamente, il bilancio è di due decessi e 14 persone ferite. Totalmente sconosciuta al momento la motivazione della sparatoria.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.