Sviluppo di anticorpi bloccanti: Un nuovo studio ha scoperto gli epitopi cross-protetti del coronavirus e SARS

Studio scientifico pubblicato il 30 gennaio

Il team del professor Cao Zhiwei dell’Università Tongji e del Centro clinico di sanità pubblica di Shanghai ha collaborato all’articolo “Identificazione di potenziali epitopi cross-protettivi tra 2019-nCoV e virus SARS” di Wuhan New Coronavirus 2019-nCoV. La scoperta di potenziali epitopi cross-protetti del virus SARS “, è stata pubblicata online il 30 gennaio sul Journal of Genetics.

Da dicembre 2019, la polmonite causata da una nuova infezione da coronavirus a Wuhan si è diffusa rapidamente, è urgente lo sviluppo di anticorpi protettivi neutralizzanti. Tuttavia, le informazioni chiave richieste per lo sviluppo di anticorpi — neutralizzare gli epitopi protettivi — non sono state rivelate.

Gli studi hanno dimostrato che la proteina S è una proteina chiave, il coronavirus si lega ai recettori ACE2 sulla superficie delle cellule ospiti e quindi media l’ingresso del virus nelle cellule ospiti, questa scoperta è un obiettivo importante per lo sviluppo di anticorpi vaccinali. Basato su CE-Blast, uno strumento di calcolo dell’immunogenicità con diritti di proprietà intellettuale indipendenti, il team di ricerca ha eseguito una simulazione strutturale sistematica e una scansione dell’immunogenicità delle proteine ​​S di tutti i coronavirus, ha scansionato il nuovo virus e 17 sottotipi di coronavirus molto noti. La distanza di immunogenicità della nuova proteina S del coronavirus è più vicina a quella della SARS. Ulteriori calcoli hanno rivelato che gli antigeni Wuhan New Coronavirus e la SARS Coronavirus S del 2019 presentano potenziali epitopi cross-reattivi sulla regione di giunzione del recettore (RBD).

Ancora più importante, uno di questi ha uno stretto legame con il recettore ACE2 umano. Pertanto, sviluppando anticorpi contro questa regione di epitopi, l’effetto sterico potrà bloccare il legame del virus al recettore ACE2, che dovrebbe svolgere un ruolo protettivo nell’infezione virale. Allo stesso tempo, gli anticorpi SARS diretti contro questa regione di epitopi potrebbero avere un potenziale valore terapeutico clinico per i nuovi virus nel 2019.

CORONAVIRUS ARRIVATO IN ITALIA. DUE CASI ACCERTATI

545455545454.png

Questa ricerca è caratterizzata da una scansione su larga scala che utilizza la tecnologia di immunocomputer, che può fornire suggerimenti teorici e una guida rapida per la ricerca e lo sviluppo di anticorpi / vaccini nelle prime fasi delle malattie infettive emergenti / nuove. Gli autori sono il professor Cao Zhiwei della School of Life Science and Technology dell’Università di Tongji e il professor Xu Jianqing del Centro di sanità pubblica di Shanghai.