Taranto – Contrabbando di sigarette, un arresto (Foto)

Sequestrati 111 chilogrammi di sigarette delle marche “REGINA” e “D&B” sprovvisti del sigillo dei Monopoli di Stato

Sequestrate sigarette di contrabbando, un arresto nel tarantino

Il comunicato stampa dei militari del gruppo di Taranto in merito al sequestro delle sigarette

I militari del Gruppo di Taranto hanno tratto in arresto un uomo di 43 anni di Taranto (G.M.), il quale è stato colto in flagrante mentre era intento a trasportare 111 chilogrammi di sigarette di contrabbando.

La Guardia di Finanza ha intensificato i servizi relativi al contrasto dei traffici illeciti, in particolare nei confronti del contrabbando dei tabacchi lavorati all’estero

Nell’ambito dell’attività di controllo economico del territorio assicurata quotidianamente dalla Guardia di Finanza, è stata eseguita un’intensificazione dei servizi di contrasto ai traffici illeciti, con particolare riguardo alla recrudescenza del fenomeno del contrabbando di tabacchi lavorati esteri.

Le Fiamme Gialle hanno controllato una vettura sulla Strada Statale 7, a seguito dei segni di apprensione palesati dal conducente della stessa e, in particolar modo, dal fatto che mezzo risultasse appesantito nella parte posteriore

In tale contesto una pattuglia delle Fiamme Gialle ha proceduto al controllo di una vettura sulla S.S. 7 Appia, ovvero, la carreggiata che collega Taranto a Brindisi, nei pressi dello svincolo per Montemesola (TA).

Loading...

Ai militari operanti non sono sfuggiti gli evidenti segni di apprensione mostrati dal conducente nonché la particolarità che l’automezzo risultasse notevolmente “appesantito” nella parte posteriore.

Il controllo della Guardia di Finanza e i complessivi scatoloni contenenti le sigarette prive del sigillo dei Monopoli di Stato

Dopo aver proceduto all’apertura del cofano posteriore della vettura, i Finanzieri hanno rinvenuto diversi scatoloni di varia grandezza, contenenti complessivamente 111 chilogrammi di sigarette delle marche “REGINA” e “D&B” sprovvisti del sigillo dei Monopoli di Stato.

Il sequestro della vettura, delle sigarette e gli arresti domiciliari disposti dal magistrato di turno

Sia le sigarette che l’autovettura, peraltro sprovvista di copertura assicurativa, sono stati sequestrati, mentre il 43enne dianzi menzionato, G.M., su disposizione del magistrato di turno, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per il reato di contrabbando (art. 291 bis D.P.R. 43/73).

In corso le indagini per risalire agli illeciti distributori

Sono in corso le indagini finalizzate a risalire ai canali di approvvigionamento dei tabacchi.

Contrabbando di sigarette in Italia

Negli anni settanta del XX secolo il contrabbando di sigarette proveniente per la maggiore dalla Puglia, “punto di arrivo” di questa attività, raggiunse livelli da economia sommersa che coinvolgevano un gran numero di persone soprattutto nelle tre città cui facevano capo le rotte di ingresso nel paese: Napoli, Venezia, Genova. Tale economia era ampiamente tollerata in periodo di grave crisi economica dalle forze dell’ordine in nome dell'”ammortizzatore sociale” teso a prevenire crimini maggiori ad opera delle persone coinvolte nel traffico.