Taranto – Sparatoria in Piazza (Foto); “Correte un infarto”, ma è una burla; Manduria – Furto energia

Le notizie di mercoledì 28 marzo

Taranto – Sparatoria in Piazza Fontana

Il bilancio è di un ferito

Tre colpi d’arma da fuoco sono stati esplosi ieri mattina, mercoledì 28 marzo, intorno alle ore 11.30 in Piazza Fontana e, più precisamente, in città vecchia a Taranto.

Un grave e spiacevole episodio, un uomo è rimasto ferito. Sul posto è prontamente intervenuta la Polizia di Stato.

Al momento, risultano ancora ignote le condizioni dell’uomo ferito, il quale sarebbe stato colpito alle gambe dai proiettili e, per la precisione, alla tibia sinistra e alla coscia destra.

Loading...

La vittima ha 24 anni e, fortunatamente, non sarebbe in pericolo di vita, stando a quanto si apprende è stato avvicinato da una sola persona a piedi; sono, invece, tre i colpi che sono stati esplosi.

Chiama il 118: “Correte, un infarto”, ma, in realtà, è solo una burla – La nota stampa

Minorenne, per puro scherzo, allerta il 118 richiedendo un intervento per un caso sospetto di infarto. Denunciato dalla Polizia di Stato.

Il ragazzo denunciato, le indagini e le ingannevoli telefonate

Il personale del Commissariato di Martina Franca ha denunciato un diciassettenne del posto per i reati di interruzione di pubblico servizio e procurato allarme presso l’Autorità.
Le indagini hanno avuto inizio a causa di vari episodi in cui il personale del 118 è stato allertato telefonicamente ed è intervenuto su fallaci richieste di soccorso.
L’ultima di queste si è verificata il 22 di marzo.

Infatti, tramite una telefonata si richiedeva l’intervento medico per soccorrere una persona colta presumibilmente da infarto. Il personale sanitario del 118, avviatosi per portare soccorso, una volta giunto presso l’indirizzo segnalato non ha trovato nessuno ad aprire la porta.
I sanitari, emerso il sospetto che si fosse trattata dell’ennesima segnalazione ingannevole, hanno richiesto l’intervento della Volante e, insieme ai poliziotti, per fugare ogni dubbio, si sono prodigati in ulteriori ricerche durate un’ora.

L’esito delle indagini e le dichiarazioni del ragazzo

Queste, acclarando l’infondatezza della telefonata, hanno impegnato una Volante del Commissariato, un’autolettiga e un auto medica col dottore a bordo.
Quest’ultimo episodio, dando ulteriore impulso alle indagini giunte già a buon punto, consentiva di individuare il diciassettenne autore dell’ultima chiamata menzognera.

Costui, ammessa la responsabilità del riprovevole episodio, dichiarava di averlo fatto solo per puro scherzo.

Manduria – Furto di energia elettrica, denunciate tre donne – La nota stampa

Nei giorni scorsi i polizotti del Commissariato di Manduria hanno denunciato in stato di libertà tre persone per furto e prelievi irregolari di energia elettrica.
Nelle abitazioni dei tre denunciati – tutte donne rispettivamente di 71, 68 e 41 anni – con la collaborazione di personale dipendete dell’Enel e-distribuzione S.p.A, sono stati scoperti allacci abusivi alla rete elettrica tramite dei grossi cavi gommati in rame del diametro di 6 mmq.

Tutte le abitazioni delle tre donne erano prive di contatore elettrico. Il personale della compagnia elettrica ha pertanto rimosso tutti i cavi elettrici e ha stabilito che l’allaccio abusivo risaliva al febbraio del 2013 per un consumo elettrico totale di circa 35.000 KW per un valore di più di 7.000 euro.