Taranto…ribellati!

Tagli, censure, omissioni e bavagli agli interventi dei tarantini

Interviste tagliate e docu-film pro Ilva

A seguito della “triste e amara realtà” vissuta lunedì scorso nel capoluogo ionico e alla decisione deliberata dalla massima assise cittadina che ha, così, disposto di chiudere le scuole del quartiere Tamburi; i Genitori Tarantini provano a chiedere Giustizia e lo fanno con ogni mezzo possibile.

 

Purtroppo, far sentire la loro voce sembra essere, quasi, un’audace impresa degna di essere paragonata alle “Dodici fatiche di Ercole”, poiché, nonostante vi siano state delle video-interviste riprese da emittenti televisive nazionali, le dichiarazioni rilasciate dagli stessi sono state, sfortunatamente, tagliate.

Loading...

 

A tal proposito, uno dei membri dell’associazione “Genitori Tarantini” riferisce quanto segue: “Oggi a Taranto, dopo la tragedia di lunedì scorso, sarà celebrato, osannato e lodato in pompa magna all’interno dell’aula magna dell’Università in città vecchia, il docufilm di “Mellone” 3×8. Un vero spot “pro Ilva” che nulla ha di vero. Questo è – viene esplicato – vergognoso. Bisognerebbe essere lì per gridare il nostro BASTA!“.

 

Ma ciò che fa maggiormente riflettere è il fatto che ci siano stati dei “tagli, censure, omissioni e bavagli ai loro interventi“. Un’azione riprovevole descritta, dagli stessi Genitori, come quanto segue: “Questa è mancanza di rispetto verso i cittadini, i malati e i nostri morti“.

Potrebbero interessarti anche