Taranto – Sequestrata ingente quantità di articoli nocivi per la salute; Detenuto aggredisce 3 agenti

Le notizie di oggi

Sequestrati 21.000 articoli commerciali nocivi per la salute pubblica

La nota stampa e il sequestro messo in atto dalle Fiamme Gialle della provincia ionica

Non si arresta l’azione delle Fiamme Gialle tarantine in tutto il territorio provinciale, finalizzata a contrastare quei soggetti economici che commercializzano prodotti sospettati di non essere conformi alla normativa sulla sicurezza e, pertanto altamente pericolosi per il consumatore.

Nel mirino dei Finanzieri della Compagnia di Martina Franca è finita un’attività commerciale con sede a Monteiasi (TA), gestita da un cittadino di nazionalità cinese.
I militari hanno rinvenuto all’interno del negozio 21.000 pezzi fra articoli di bigiotteria e di cosmesi, quali orecchini, bracciali, collane, fermacapelli, perle e unghie artificiali sintetiche di varia tipologia, sprovvisti delle attestazioni obbligatorie a tutela della salute pubblica.

Il titolare è stato segnalato per violazioni al Codice del Consumo

Il titolare dell’attività commerciale è stato segnalato ai fini amministrativi per violazioni al Codice del Consumo (D. Lgs. 206/2005), in quanto i prodotti non riportavano le indicazioni in lingua italiana, ovvero erano mancanti delle indicazioni relative alla ragione sociale, al marchio e alla sede legale del produttore / importatore.

Taranto – Detenuto aggredisce in carcere tre agenti – La notizia

Loading...

Un detenuto di origine nigeriana ha violentemente aggredito presso la Casa Circondariale di Taranto tre agenti della polizia penitenziaria che hanno riportato lesioni varie con prognosi dai 7 ai 10 giorni. Lo rende noto l’Osapp con un comunicato evidenziando la necessità di interventi per ripristinare ordine e sicurezza non solo nella struttura tarantina ma anche in quelle leccese e foggiana.
A riporta la notizia, anche, l’agenzia di stampa: Ansa.

L’appello del Montesano Segretario Generale Aggiunto dell’Osapp, Pasquale Montesano

“La regione Puglia – precisa Pasquale Montesano Segretario Generale Aggiunto dell’Osapp – risulta al momento in eccedenza per quanto riguarda il numero di appartenenti alla polizia penitenziaria in servizio presso le strutture carcerarie rispetto alle previsioni della legge Madia, ma purtroppo la realtà lavorativa degli istituti pugliesi risulta ben diversa e le condizioni di servizio del personale del corpo risultano di gran lunga peggiori in termini di aggravio dei carichi di lavoro e di stress psico-fisico. E soprattutto in prospettiva con l’ apertura di nuovi reparti e strutture, oltre a quella del reparto psichiatrico di Lecce”. Montesano dunque lancia un appello perché si alzi il livello di attenzione sul ‘pianeta carcere’ in Puglia. “Non è più tollerabile una politica assente, sorda ai nostri costanti richiami ed appelli, ed un’amministrazione penitenziaria silente ed incapace di gestire e risolvere le continue criticità. Ed un Ministro che non ha mai trovato il tempo da dedicare al Corpo di Polizia Penitenziaria a parte iniziative destabilizzanti per il Corpo”.