Terremoto California: insolite faglie potrebbero causare un terremoto catastrofico

Ad oggi le scosse rilevate sono circa 25.000 e sono talmente frequenti da rappresentare un inquietante "tremore" di fondo.

Terremoto California: insolite faglie potrebbero causare un terremoto catastrofico

Terremoto California: insolite faglie potrebbero causare un terremoto catastrofico

Una nuova scossa di terremoto di magnitudo 4.2 è stata avvertita a San Francisco, California. Il sisma è stato registrato a 12 km a ovest-sudovest da Byron, con una profondità di 12,4 chilometri.

Lo sciame sismico che interessa la California è attualmente in corso. Ad oggi le scosse rilevate sono circa 25.000 e sono talmente frequenti da rappresentare un inquietante “tremore” di fondo.

Un insolito sistema di faglie

Il primo terremoto che ha colpito la California a inizio luglio, si è generato nel punto di intersezione tra due faglie: una “T” lungo la quale è avvenuto il movimento. Prima d’ora un evento simile era stato solo ipotizzato.

Dopo la prima scossa di magnitudo 6.4, nel punto di intersezione tra due faglie a 150 chilometri  nord-est della faglia di Sant’Andrea, una seconda scossa decisamente più forte, a 11 chilometri di distanza,  ha provocato una “rottura” della faglia più grande in seguito ad una maggiore liberazione di energia, raggiungendo una magnitudo di 7.1.

Una differenza che può sembrare minima, ma che in realtà è notevole. Il secondo sisma infatti ha rilasciato circa 11 volte più energia del primo. I sismi presentano infatti delle insolite novità.

Faglie attive in apparente stato di calma

Luca Dal Zillo, geofisico al Californian Institute of Technology, spiega che la faglia che si è rotta il 4 luglio, non era nota ai geologi:

“Intorno alla faglia madre, quella di San Andreas, ce ne sono una miriade: tutte sue ramificazioni. E non le conosciamo tutte”.

I due terremoti , rappresentano quindi qualcosa di anomalo, poiché le tre faglie più attive della California rimangono in un apparente stato di calma.

Glenn Biasi,  geofisico USGS di Pasadena, ha dichiarato a Live Science:

” I terremoti del 4 ° e 5 ° si sono verificati in quella che chiamiamo zona di faglia.. E non li conosciamo tutti. Nessuno di questi sono i difetti principali, questo è l’enigma”.

Rotture ad angolo retto

E qui le cose si fanno interessanti: il terremoto di magnitudo 7,1 ha fatto scoppiare un difetto nella zona di faglia di Little Lake – le crepe in questo punto vicino a Ridgecrest tendono a correre nella direzione nord-ovest-sudest.

Secondo Michele Cook geoscienziato dell’Università del Massachusetts, “il terremoto di giovedì 4 luglio è stato più complesso e una parte di questo evento più piccolo è avvenuto in una falla non mappata che tende al NE-SW.Questo è molto interessante dal punto di vista geologico”.

Cooke sostiene anche che molti recenti terremoti sono stati un po ‘disordinati, rompendosi in un modo più complesso, di una semplice scivolata su un singolo piano di faglie.

“Questo aumenta la sfida per la previsione del rischio sismico perché le rotture complesse si verificano in più faglie e colpiscono regioni più ampie”, ha aggiunto Cooke.

Questi  terremoti potrebbero anche essere  un segno del fatto che più azioni sismologiche stanno iniziando a verificarsi non lungo la famigerata Faglia di San Andreas, ma piuttosto nella cosiddetta Eastern California Shear Zone.

Di Monica Ellini