USA, Obama: ”Congresso cambia? Collaboreremo lo stesso”

USA, Obama: ''Congresso cambia? Collaboreremo lo stesso''

E’ un Obama decisamente mesto quello che si presenta nella conferenza stampa di oggi a New York. La batosta delle elezioni di medio termine si fa sentire: i repubblicani hanno ottenuto la maggioranza assoluta in Senato (52 seggi) e incrementato i numeri in Congresso (240 contro i 226 democratici). Ora il presidente ha le mani legate e sarà costretto a dare una virata ai suoi progetti. Prova comunque a salvare le apparenze e assicura: “Voglio lavorare con il nuovo Congresso, lavoreremo insieme nei prossimi due anni”.

Il presidente prosegue: “Gli americani hanno inviato un chiaro messaggio: si deve lavorare duro e ci si deve concentrare sulle loro aspirazioni, non sulle nostre”. L’ammissione di colpa lascia però spazio all’orgoglio per quello che è stato fatto in questi anni. Obama ricorda in particolare i ”progressi reali” compiuti dal Paese contro deficit e  disoccupazione. E’ probabile che anche su questo i suoi avversari politici non saranno d’accordo. Per il 44° presidente degli Stati Uniti si prospetta il periodo più difficile dal suo insediamento alla Casa Bianca.

Loading...

 

Nato nel 1986 a Carate Brianza (MB) ma cresciuto in Sicilia. Ha studiato Editoria e Scrittura alla Sapienza di Roma laureandosi con una tesi dedicata al giornalismo culturale de 'la Repubblica'. Coltiva molti interessi fra cultura, politica e sport. Crede nel valore del libero confronto fra idee e mette tutto il suo impegno nel sostenerlo.