Voglia di vacanze? Occasioni per tutti

Il Turismo "green", la tendenza che accomuna milioni di turisti.

Mare o montagna, questo è l’amletiano dilemma che assale milioni di viaggiatori quando è tempo di andare in vacanza. C’è chi preferisce “la tintarella di luna” sdraiati sulla morbida sabbia a sorseggiare una bevanda fresca e dissetante, magari cullati dal dolce ondular del mare. E invece, c’è chi preferisce una boccata di ossigeno e aria fresca tra boschi e montagne.

Numerose ricerche evidenziano come sia importante concedersi un po’ di riposo e tregua dalle attività di ogni giorno e ancor di più giova, sotto il punto di vista psicologico, scoprire nuove mete.

Le statistiche evidenziano come negli ultimi anni prevalga un senso, di giustizia sociale ed economica nel rispetto dell’ambiente e della cultura, tra i turisti. Rispettare l’ambiente è un dovere di tutti ed è anche e, soprattutto, il passo fondamentale per vivere bene riducendo i rischi di ammalarsi. A tal proposito si può parlare tranquillamente di turismo sostenibile, e cioè viaggiare ma in salute; viaggiare rispettando sé stessi e soprattutto gli altri.

Loading...

I cambiamenti riguardano anche le strutture che ospitano i viaggiatori. Vi chiederete come sia possibile risparmiare e rispettare l’ambiente? Bene, vi risponderemo che per hotel e bed e breakfast abbracciare “il turismo green” si è rivelato essere anche una strategia di marketing e non solo una pura e semplice scelta che hanno portato ad adottare piccoli adattamenti, quali i pannelli solari, le docce a basso consumo d’acqua, solo per farne degli esempi.

Il mezzo certamente più utilizzato in vacanza è la bicicletta che permette al visitatore di non inquinare l’ambiente, di fare esercizio fisico e al tempo stesso godersi il panorama che la meta scelta offre. E’ la filosofia che accomuna un buon numero di turisti che amano pedalare in mezzo a verdi distese d’erba, coccolati dal sole e animati da una sana boccata per i polmoni. A tal proposito ai bed e breakfast e agli hotel si preferisce dormire in tenda a stretto contatto con la natura stessa. Una scelta conveniente e comoda e che garantisce spostamenti più semplici.

Ma se da una parte molti turisti preferiscono dormire in tenda, sono molti gli hotel e i bed breakfast che hanno abbracciato la filosofia “green”. Si tratta di strutture con poco cemento e localizzate a distanza sostenibile dalle spiagge. Le statistiche risaltano, inoltre, come la scelta dei turisti ricada nei ristoranti che utilizzano prodotti locali e come gli articoli locali vengano preferiti ai soliti souvenir industriali. Cosa fondamentale resta il rispetto per l’ambiente e quindi evitare spostamenti con mezzi privati.

Dunque il turismo sostenibile, oltre ad essere un’opportunità di reddito per le attività locali del posto, offre la possibilità ai turisti di viaggiare risparmiando.

Insomma, il turismo sostenibile si basa su una fusione di armonia, crescita economica, conservazione dell’ambiente e dell’identità locale, individuando la capacità d’accoglienza del territorio e limitando, per quanto possibile, l’affluenza dei turisti in base alle caratteristiche dei luoghi. Da precisare che l’offerta turistica deve abbracciare, allo stesso tempo, ricchezza culturale ed economica.

Abbiamo incontrato il proprietario di un piccolo e rustico bed e breakfast che ha scelto di adottare la filosofia “green”.

“Lei si occupa di turismo da anni ormai. Come è cambiato il turismo in questi ultimi anni?”

 “Certamente il turismo è sempre in mutamento. Dunque da qui a qualche anno potrebbe cambiare ancora. Oggi stiamo assistendo a un turismo che ha come priorità, sì il divertimento, ma soprattutto alla base il rispetto per la natura. Penso che oggi l’uomo stia prendendo coscienza dei rischi che l’inquinamento porta e quindi in un certo qual modo corre ai ripari per evitare il peggio”.

“Quindi lei sostiene che oggi molti turisti prediligono il turismo sostenibile che ha, appunto, alla base il rispetto per l’ambiente?”

“Si. Oggi il turista che decide di viaggiare opta per viaggi a contatto con la natura, rispettandola e quindi automaticamente rispettando anche loro stessi. A tal proposito si preferisce la bicicletta alla macchina o dormire in strutture che adottano questa etica qui”.

“Lei si è adattato, se così possiamo dire, a questa etica ma come ha fatto?”

“Beh, in effetti bastano pochi e semplici gesti per rispettare l’ambiente. Non serve essere eroi né altro. Abbiamo installato dei sistemi di pannelli solari; in ogni camera vi sono docce eco-sostenibili e a basso consumo d’acqua e il cambio delle lenzuola avviene ogni due-tre giorni. Inoltre, il nostro ristorante utilizza solamente prodotti locali. Sono piccole accortezze che comunque fanno bene all’ambiente”.

“Lei pensa che questo turismo sostenibile possa ledere economicamente?”

“No. Assolutamente. Chi sceglie di venire da noi lo fa perché non cerca il lusso o il comfort ma perché si vuole bene e quindi si rilassa, si diverte, rispettando l’ambiente e soprattutto a basso costo”.

“A pochi passi da voi vi è il mare ma anche un sentiero di verde che s’innalza per alcuni metri. Con quali mezzi i turisti raggiungono il bed e breakfast?”

“I turisti arrivano principalmente con taxi o navette messe a disposizione dal comune. Ma non mancano i più coraggiosi che sono arrivati da noi con la bicicletta. Una volta arrivati poi affittano una bicicletta oppure preferiscono camminare a piedi ammirando il paesaggio naturale”.

“Parlando di turismo responsabile, non posso fare altro che pensare ai bambini. Vi sono attività rivolte ai bambini per istruirli al rispetto dell’ambiente?”

“Certo. Vi sono moltissimi siti internet che propongono attività rivolte a ragazzi e bambini o per tutta la famiglia. Ad esempio momenti di incontro con famiglie del luogo, attività e giochi allo scopo di sensibilizzarli al rispetto per la natura”.

“Dove posso trovare le mete più adatte al turismo sostenibile?”

“Recandosi in agenzia oppure navigando in internet si possono trovare numerosi siti di viaggio che ti permettono di scegliere la meta più ambita in base alle proprie esigenze”.

Come avrete ben capito il turismo sostenibile si sta facendo sempre più largo cambiando tutti gli stereotipi. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite, il turismo sostenibile che rispetta i luoghi e l’ambiente è destinato a cambiare, in meglio, il mondo intero e che stima un fatturato globale di 1100 miliardi di euro. Insomma, viaggiare fa bene non solo a sé stessi ma anche all’ambiente che viene così salvato dall’inquinamento, dall’incuria e dagli sprechi.