Azovstal, i soldati ucraini presenti nei sotterranei ai arrendono

Tra lunedì e martedì gli appartenenti al battaglione Azov asserragliati nei sotterranei dell’acciaieria Azovstal di Mariupol, città diventata il maggio teatro del conflitto, si sono arresi ai russi, che ormai presidiano la zona avendola occupata militarmente. Nei prossimi giorni, come confermano le autorità ucraina, verranno effettuati scambi con dei prigionieri.

Guerra Ucraina, ad Azovstal a soldai ucraini sono stati evacuati

- Advertisement -

Si chiude una delle situazioni più complesse da quando è iniziato lo scontro tra Ucraina e Russia. Nell’Azovstal di Mariupol per 82 giorni sono stati riportati in totale 53 feriti; ma il vero problema si è riscontrato a livello umanitario con centinaia civili bloccati nei sotterranei. Lo scorso 8 maggio, grazie anche all’aiuto dei volontari presenti sul territorio, sono stati fatti evacuare centinaia di civili. Mentre al contempo i soldati ucraini rimanevano asserragliati in quella che era di fatto l’unica zona non controllata dai russi.

Una situazione questa che cerca di placare gli animi tra i due paesi. Infatti, la scelta di liberare gli ucraini dopo una resa a quel punto sacrosanta. Ci permette di registrare la prima forma di distensione tra russi e ucraini in un momento decisivo.

Al via Taobuk 2024

Si alza il sipario su Taobuk - Taormina International Book Festival, il festival internazionale ideato e diretto da Antonella Ferrara. Fino al 24 giugno, Taobuk porterà a Taormina...