Boeing 737 precipitato : ritrovate le scatole nere

Secondo i risultati preliminari degli investigatori, i piloti potrebbero aver avuto problemi con un " sistema automatizzato" progettato per mantenere l'aereo in stallo.

Boeing 737 Max 8

Ritrovate le scatole nere del Boeing 737

Scatola nera di un Boeing 737 Max 8

Le scatole nere dell’aereo della Ethiopian Airlines precipitato ieri mattina, sono state recuperata dagli investigatori.

I dispositivi recuperati dal luogo dell’incidente sono il registratore di cabina di pilotaggio del Boeing 737 Max 8 e il registratore di dati di volo digitale.

La dinamica dell’incidente aereo

L’incidente aereo del Boeing 737 Max 8 dell’ Ethiopian Airlines.

L’ aereo in rotta da Addis Abeba alla capitale del Kenya, Nairobi, si è schiantato sei minuti dopo il decollo. L’incidente è costato la vita di 157 persone. C’erano più di 30 nazionalità a bordo del volo, inclusi Keniani, Etiopi, Canadesi e Inglesi. Erano inoltre presenti otto italiani, otto cinesi, otto americani, sette cittadini francesi, sei egiziani, cinque tedeschi, quattro indiani e quattro cittadini della Slovacchia.

La causa del disastro non è ancora chiara. Tuttavia, il pilota aveva segnalato difficoltà e aveva chiesto di tornare ad Addis Abeba, secondo quanto dichiarato dall’Ethiopian Airlines. “In questa fase, non possiamo escludere nulla“, ha detto il CEO Tewolde Gebremariam. Non possiamo anche attribuire la causa a qualcosa perché dovremo rispettare il regolamento internazionale per attendere le indagini“.

La visibilità era buona, ma il monitor del traffico aereo Flightradar24 segnalava che “la velocità verticale dell’aereo era instabile dopo il decollo” . Il pilota era uno dei migliori che la Ethiopian Airlines afferma di aver avuto. Nominato Senior Capt Yared Getachew per le sue “lodevoli prestazioni”, dimostrate in 8000 ore di volo. Questo è stato il secondo incidente in cinque mesi che ha coinvolto un Boeing 737 Max 8. 

Un campanello d’allarme nel settore dell’aviazione

Secondo i risultati preliminari degli investigatori, i piloti potrebbero aver avuto problemi con un ” sistema automatizzato” progettato per mantenere l’aereo in stallo, una nuova caratteristica del jet. Il sistema anti-stallo ha ripetutamente forzato il muso dell’aereo verso il basso, nonostante gli sforzi dei piloti per correggere l’anomalia.

Mary Schiavo, ex ispettrice generale del Dipartimento dei Trasporti degli Stati Uniti, ha detto alla CNN :

Qui abbiamo un aereo nuovo di zecca che è andato giù due volte in un anno e suona il campanello d’allarme nel settore dell’ aviazione”

Dopo lo schianto dello scorso ottobre, la Boeing avrebbe infatti inviato un avviso di emergenza alle compagnie aeree, avvisandole di un problema con il sistema anti-stallo.

Tuttavia, non è ancora chiaro se il sistema anti-stallo sia stato la causa dell’incidente di domenica. Gli esperti dell’aviazione affermano che altre questioni tecniche o errori umani devono ancora essere esclusi.

È una delle più grandi catastrofi che abbiamo avuto negli ultimi anni“, ha detto Michael Moller, direttore generale dell’ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra.

Le indagini saranno condotte dalle autorità etiopi coordinate con gruppi di esperti della Boeing e del National Transportation Safety Board statunitense.

di Monica Ellini

 

 

 

 

 

Avatar
Scrivo articoli in diversi settori di notizie: cronaca, scienza,salute, ambiente, spazio e cosmo, storia, viaggi, arte e archeologia. Eclettica e dedita alla ricerca, lavoro per obbiettivi in modo determinato e organizzato. Esperta di comunicazione e pubbliche relazioni, cerco di trasmettere attraverso lo scritto, concetti chiave e significati. Adotto un informazione consapevole che interessi diverse fasce di pubblico.
Potrebbero interessarti anche