Caduta dei capelli: a che punto è la ricerca?

Gli ultimi rimedi

Le ultime frontiere della ricerca scientifica portano a San Diego quando si parla di caduta di capelli. In California, infatti, la start up Biotech è alle prese con lo studio di un farmaco che potrebbe radicalmente cambiare le sorti di molte persone.

Una soluzione, chiamata a oggi SMI4554, che può essere spalmata sulla testa con un energico massaggio e che favorisce la ricrescita dei capelli, almeno stando alle prime rilevazioni dei ricercatori.

Risultati molto positivi per le prime sperimentazioni

A offrirsi in qualità di cavia sono stati 300 uomini. I risultati sembrano essere davvero incoraggiati. Già dai primi trattamenti, infatti, i soggetti selezionati hanno registrato un inizio di ricrescita.

Loading...

I capelli, hanno testimoniato, sono ricomparsi anche in maniera uniforme, a poco a poco, sulla testa. È un passo avanti verso la sconfitta della calvizie? È presto per dirlo senza dubbio. Ma non solo ci siamo mai chiesti come sia possibile che le persone che vivono in oriente abbiano sempre una chioma folta e lucida? Bene uno dei miracoli è stato identificato nell’assunsione di Ganoderma Lucidum un fungo conosciuto da millenni tra le civiltà orientali. Ma dove trovarlo possiamo trovarlo qui in Italia? Una delle poche aziende che mette a disposizione l’estratto di ganoderma, abbinato all’aloe vera, rosmarino, serenoa, capsico, nei suoi prodotti per l’estetica è situata in Toscana.

La lozione anticaduta è un ottimo trattamento cosmetico specifico per capelli soggetti ad eccessiva caduta, desquamazione, untuosità.

Grazie all’azione antiossidante, idratante, purificante e stimolante dei suoi attivi, favorisce il miglioramento della microcircolazione, aiuta a contrastare il processo di miniaturizzazione del bulbo del capello, e contribuisce al ripristino dei valori normali della fisiologia cutanea, riducendo la formazione di forfora e la produzione eccessiva di sebo.

Può essere utilizzato anche nel trattamento della cute grassa e impura e della forfora.

Sei calvo? Sembri più intelligente

Mentre la ricerca va avanti su questa strada, un altro studio sembra rassicurare però chi si ritrova quotidianamente a fare i conti con una capigliatura sempre meno folta.

La ricerca arriva dall’Inghilterra e dimostra come, messe di fronte alle foto di un centinaio di uomini prima con e poi senza capelli, un centinaio di donne abbiano espresso un giudizio unanime: i calvi sembrano più intelligenti, rassicuranti e colti.

Un riscontro interessante che potrebbe portare il sereno sugli animi inquieti di chi fa fatica ad accettare il nuovo aspetto.

La perdita di capelli non è solo questione di estetica

E già, perché la calvizie non si traduce in una mera problematica estetica. È crescente il numero di soggetti che si sottopongono a una consulenza psicologica perché messi in crisi dall’avanzare dell’alopecia androgenetica, una tra le tante manifestazioni di questa patologia, senza dubbio la più diffusa tra uomini e donne.

Ritrovarsi, giorno dopo giorno, a fare i conti con un’immagine che non risponde più a quella che avevamo imparato ad accettare e amare – e che in più non trova riscontri diretti tra quelle universalmente considerate avvenenti e affascinanti dalla società – non è una passeggiate. Gli effetti psicologici possono essere numerosi e nella maggior parte dei casi negativi.

Una strada certa: la medicina rigenerativa

Al di là degli studi sui riflessi psicologici della caduta dei capelli e delle ricerche ancora in corso (come quella relativa alla sperimentazione di alcuni farmaci per l’artrite che sembrerebbero avere effetti indiretti benefici anche sulla calvizie), esiste una strada facile da percorrere e indolore che porta risultati importanti in termini di salute e ricrescita dei capelli.

È quella seguita in casa Hair Clinic, uno tra i centri migliori in Italia per la ricerca e lo studio della salute e della cura dei capelli. Si tratta di una metodologia innovativa, un Protocollo avanzato che si basa sui principi della medicina rigenerativa e fa delle cellule staminali le migliori amiche del capello e della sua salute.

Partendo dalla dettagliata analisi delle cause che portano i singoli soggetti a subire la perdita dei capelli – cause, vale la pena ricordarlo, che possono essere estremamente diverse da caso a caso e spaziano da patologie fisiche a forti stress emotivi – arriva a dettagliare un piano di recupero che porta a elaborare soluzioni su misura per ogni paziente.

Alle cellule staminali, poi, il compito di favorire la rigenerazione dei tessuti e in particolare dei follicoli interessati dal processo di miniaturizzazione del capello che a poco a poco porta la capigliatura ad apparire sempre più sciupata e priva di volume. In poco tempo, riattivando questi follicoli, l’aspetto della chioma cambierà definitivamente, con risultati straordinari e senza il ricorso a strade poco sicure, come dubbi trattamenti farmacologici o bisturi per trapianti destinati, il più delle volte, a presentare rapide recidive.

Potrebbero interessarti anche