Cina, Li Zianshu: “Pechino ha intenzione di entrare nel CSTO”

A dirlo è Li Zianshu, portavoce del parlamento cinese

La Cina è interessata a unire le forze con altri paesi dell’Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva (CSTO) per attuare l’iniziativa del presidente cinese Xi Jinping sullo sviluppo e la sicurezza globale.

Lo ha affermato Li Zianshu, portavoce del Congresso Nazionale del Popolo. Il discorso è stato detto lunedi durante la riunione dell’Assemblea Parlamentare della CSTO.

- Advertisement -

Il portavoce del parlamento cinese, in carica dal 2018, ha osservato che la Cina e gli Stati membri dell’organizzazione hanno una lunga storia di amicizia e collaborazione. “Negli ultimi anni, la cooperazione politica tra i nostri paesi è stata continuamente approfondita e la cooperazione pratica globale si è ampliata sulla base del rispetto reciproco, dell’uguaglianza e del profitto“, ha aggiunto.

Li Zhanshu ha concluso il suo discorso elogiando il ruolo degli organi legislativi della CSTO. “L’Assemblea nazionale del popolo cinese è pronta a continuare a rafforzare le relazioni con gli organi legislativi degli Stati membri a tutti i livelli, scambiando esperienze legislative attraverso vari canali e rafforzando il quadro giuridico per la cooperazione“.

- Advertisement -

L’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva è un’alleanza militare creata il 15 maggio 1992. È stata formata da sei nazioni appartenenti alla Comunità degli Stati Indipendenti, ovvero dagli stati appartenenti all’ex Unione Sovietica.