Codice della strada: le novità previste nel testo normativo

Sarà definitivo nei prossimi mesi il testo del nuovo codice della strada

Nonostante il nuovo codice della strada, sono ancora molti gli italiani che non lo rispettano. Sono molte le persone che continuano a guidare con il telefono in mano. Ma secondo il nuovo codice della strada le cose potrebbero cambiare.

Cosa prevede il nuovo codice della strada?

La soluzione alla guida del proprio mezzo con il telefono in mano potrebbe prevedere un inasprimento della pena. Infatti, i nuovi provvedimenti prevedono una multa da 422 a 1697 euro. Ma non basta! E’ anche previsto il ritiro della patente, fino a tre mesi. E soprattuto, in caso di recitiva. L’obiettivo è proprio quello di diminuire quella che sembra la pausa principali di incidenti stradali. Ebbene, pare che si tratti di 3.6000 incidenti nel 2018. Secondo i dati Istat, sono circa il 16.2% di quelli totali. Davvero un dato importante, se si considera che il telefono non è uno strumento fondamentale per la nostra vita. Ma a volte, per sua colpa, il semplice incidente può diventare la causa di perderla definitivamente.

E’ possibile parlare al telefono mentre si guida?

Secondo il codice della strada, in macchina si può parlare al telefono, rispettando alcune regole. Ad esempio con l’uso del viva voce è consentito. E’ possibile utilizzare l’auricolare, con annesso microfono, purchè impegni un solo orecchio. Quando si è alla guida è vietato tenere il cellulare tra le mani. E non importa se si è in movimento o se si è fermi, ad esempio al semaforo. E se squilla il telefono mentre si guida, cosa si può fare? Una cosa semplice. Basta accostarsi al ciglio della strada, senza intralciare, la normale circolazione oppure mettere in pericolo se stessi o altri. Sarebbe, ancora meglio, parcheggiare se possibile. Alla fine della conversazione rimettersi nel traffico e procedere con prudenza, come sempre del resto!

Quali sono le altre novità previste dal codice della strada?

Il testo prevede anche altre modifiche del codice delle strada. Ad esempio, la regolamentazione delle strisce rosa di parcheggio, per chi è in gravidanza o ha figli piccoli. Si parla di bimbi con età inferiore ai due anni. Ma anche, via libera alla circolazione in autostrada dei motocicli con cilindrata superiore a 125cc. Ed inoltre, il pedaggio gratuito per i mezzi di trasporto e soccorso sanitario. Dovrebbe anche essere inserito l’obbligo di distanza laterale di 1.5 metri quando si supera un ciclista. Previsto anche l’obbligo dell’utilizzo delle cinture di sicurezza in caso di scuolabus o mezzi di trasporto di tipo collettivo a partire dal 2024. I comuni, dovrebbero istallare delle aree scolastiche. Strade poste nei pressi delle scuole con obbligo di limite di velocità di 30Km/h soprattutto negli orari di entrata ed uscita.